Bologna Updates: lo stand più stilish di Arte Fiera? Quello di Artribune, interpretato dal giovane designer Davide Aquini: ecco le immagini

Altra fiera, altro stand. Anche per Arte Fiera Bologna Artribune rinnova la tradizione dello stand di design con un nuovo progetto che potrà vedere chi ci verrà a trovare da domani 22 gennaio.Giovani talenti della scena italiana occupano di nuovo i nostri spazi con un’interpretazione personale del luogo stand e del nostro marchio. Protagonista della […]

Altra fiera, altro stand. Anche per Arte Fiera Bologna Artribune rinnova la tradizione dello stand di design con un nuovo progetto che potrà vedere chi ci verrà a trovare da domani 22 gennaio.Giovani talenti della scena italiana occupano di nuovo i nostri spazi con un’interpretazione personale del luogo stand e del nostro marchio. Protagonista della nuova esperienza è Davide Aquini, nato nel 1982 a Venezia dove ha studiato grafica pubblicitaria. Il product design lo ha sempre affascinato e ha deciso di approfondire gli studi in questa direzione mentre già lavorava in una web agency. La breve esperienza alla Domus Academy di Milano gli ha dato la carica decisiva per aprire una sua attività da freelance. Il fil rouge dell’allestimento dello stand per Artribune è l’effetto marmorizzato, che si concretizza sia nella collezione di mobili impiegati, che nella veste grafica della parete principale. Un particolare cemento estetico, prodotto da Nobital, viene realizzato mediante la colatura in stampi di diverse tipologie di cemento e resine. Si vengono così ad ottenere i piani ad effetto marmorizzato impiegati nei tavoli e nelle consolle della “Marbled Collection” ideata da Davide G. Aquini. La sensazione fredda di un materiale quasi asettico come il cemento viene mitigata attraverso l’accostamento al legno multistrato lasciato naturale, impiegato per la struttura dei mobili stessi, che vengono realizzati da Linea Arredo.

www.ad-g.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.