La settimana delle aste newyorkesi si chiude con il debutto di Auctionata, piattaforma di aste online che ora entra nel mercato “terrestre”

Actionata è la nuova casa d’aste fondata da Georg Untersalmberger e Alexander Zacke che unisce tutta l’emozione delle aste dal vivo con il sistema delle aste online, offrendo ai propri clienti la possibilità di vendere e acquistare ovunque si trovino avvalendosi dell’esperienza di numerosi esperti d’arte e banditori di rilevanza internazionale. Come tutte le case […]

Actionata è la nuova casa d’aste fondata da Georg Untersalmberger e Alexander Zacke che unisce tutta l’emozione delle aste dal vivo con il sistema delle aste online, offrendo ai propri clienti la possibilità di vendere e acquistare ovunque si trovino avvalendosi dell’esperienza di numerosi esperti d’arte e banditori di rilevanza internazionale. Come tutte le case d’asta, anche Auctionata si contraddistingue per la diversità di oggetti posti in asta: dai dipinti di arte moderna e contemporanea agli orologi, dai gioielli alle porcellane. Tra le prossime vendite in programma spicca quella della sera del 16 novembre, dedicata all’arte moderna e contemporanea, organizzata per festeggiare il debutto a New York e che arriva giusto in chiusura delle grandi aste di arte contemporanea della Grande Mela.
L’asta presenta 133 lotti, con un’impressionante elenco dei più grandi talenti del secolo passato, tra cui Chagall, Warhol, Picasso, Calder, Bochner, Lichtenstein e Beckmann. Inoltre molti di questi lavori sono stati gelosamente conservati in collezioni private per anni, esordendo per la prima volta nel mercato secondario. A differenza delle altre grandi case d’asta che presentano ogni opera con un intervallo di stima, Auctionata presenta ogni lotto con uno starting price ed una estimation value: il primo rappresenta il prezzo di partenza, ovvero il prezzo minimo accettato per ogni opera e solitamente è il 20-30% inferiore alla stima minima; il secondo rappresenta il valore stimato dagli esperti, ovvero il prezzo che un professional dealer avrebbe chiesto per quell’opera.
Sono diversi i lotti presentati con un estimation value alta, tra i quali: con la medesima stima di 95mila dollari Andy Warhol (John Wayne, 1986) e Roy Lichtenstein (Sweet dreams Baby!, 1965); a seguire Richard Artschwager con Corner Exclamation (1993) stimato 60mila dollari, Alexander Calder con The Attack (1964) stimato 50mila dollari. Tra i numerosi lavori presentati non passano inosservate alcuni delle rare serigrafie di Andy Warhol, in particolare Flowers (Black and White) del 1974 stimato 10mila dollari ed Flowers (Hand colored) stimato 16mila dollari ed, infine, l’olio su tela di Mel Bochner, intitolato Blah Blah Blah (2009), stimato 22mila dollari. Risaltano anche nomi che in questa settimana hanno segnato le grandi aste di arte contemporanea a New York con record d’artista, come Ed Ruscha e Peter Doig.

– Monica Anziliero

 

 

CONDIVIDI
Monica Anziliero
Monica Anziliero è nata nel 1989. Laureata magistrale in Economia e Gestione delle Arti e delle Attività Culturali presso l‘Università Ca’ Foscari di Venezia (2013) e diplomata in Economia e Management dell’arte e dei beni culturali presso la Business School de Il Sole 24 Ore di Roma (2014). Ha collaborato come curatrice con la Theca Gallery di Lugano per la mostra “Nature: beyond time and space” dell’artista giapponese Ohya Massaki, interessata alla storia dell’arte contemporanea italiana ed internazionale e al mercato dell’arte (aste e fiere d’arte internazionali).
  • Bravi ottimi acquisti manca solamente lo storico. Mr. Roberto Scala ma poi come si fa a non acquistarlo