La madre di tutte le censure? Una mostra all’Andy Warhol Museum di Pittsburgh celebra la grande “cancellazione” dalla facciata della World’s Fair di New York

Come andarono le cose non è mai stato appurato con certezza, come spesso accade negli States quando una questione sfiora anche solo marginalmente polizia, FBI o peggio CIA. In occasione della World’s Fair del 1964, l’anno in cui esplose la Pop Art a livello mondiale, ad Andy Warhol fu commissionata una grande opera per la […]

Come andarono le cose non è mai stato appurato con certezza, come spesso accade negli States quando una questione sfiora anche solo marginalmente polizia, FBI o peggio CIA. In occasione della World’s Fair del 1964, l’anno in cui esplose la Pop Art a livello mondiale, ad Andy Warhol fu commissionata una grande opera per la facciata del New York State Pavilion. Invece di una delle sue classiche e già famose Campbell Soup, l’artista scelse di collocare un pannello che raffigurava i 13 criminali più ricercati dal New York Police Department. Per qualche ragione, ufficialmente per evitare uno scandalo, subito dopo l’inaugurazione le immagini furono cancellate, lasciando un pannello interamente grigio. Ora l’originale torna sulla facciata dell’Andy Warhol Museum di Pittsburgh, nell’ambito di una mostra appena inaugurata che espone anche dipinti nello stesso anno caratterizzati dagli stessi schermi utilizzati per il murale, e tutti i documenti che raccontano i retroscena del mistero della scomparsa.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.