Tre comuni della Val di Non, sei artisti, un festival. Wall Lettering reinventa i muri di scuole, ospedali, campi sportivi. In collaborazione col Mart

Street art in Val di Non, ridisegnando angoli del Trentino grazie alle opere site specific di giovani artisti italiani ed internazionali. È il format di Wall Lettering, festival realizzato in collaborazione con il Mart di Trento e Rovereto, sostenuto dai Comuni di Cles, Tassullo e Cis. Un festival con un’anima laboratoriale, che ruota intorno al […]

Street art in Val di Non, ridisegnando angoli del Trentino grazie alle opere site specific di giovani artisti italiani ed internazionali. È il format di Wall Lettering, festival realizzato in collaborazione con il Mart di Trento e Rovereto, sostenuto dai Comuni di Cles, Tassullo e Cis. Un festival con un’anima laboratoriale, che ruota intorno al rapporto tra individuo e spazio urbano, mediato dall’azione estetica: l’arte pubblica, nella sua variante street, si conferma strumento per interpretare l’anima di luoghi, comunità, territori, riaccendendo il sentimento dell’appartenenza, dell’attenzione e della protezione, tra residenti e istituzioni.
La seconda edizione si è tenuta quest’anno tra giugno e luglio, affiancando alle produzione delle opere una serie di workshop creativi condotti dagli artisti insieme all’Area Educazione del Mart.  La mappatura del territorio, scandita da quattro grandi wall painting, ha visto in azione Made514 nelle scuole elementari di Tassullo; Etnik & Dado nel centro rafting di Dimaro; Alice Pasquini su una facciata dell’ospedale delle Valli del Noce; Corn79 e Mr.Fijodor su una parete del campo da calcio di Cis.
Il report fotografico, al completo, al margine del festival: un viaggio veloce attraverso il lungo work in progress.

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.