Crepax, Jacovitti, Pratt, Schulz. A Milano debutta la casa d’aste Urania, specializzata nel fumetto: Italia terzo mercato mondiale del settore dopo USA e Francia

Nasce a Milano un nuovo punto di riferimento per il mercato delle tavole e illustrazioni originali dei maestri del fumetto. Il 4 maggio a Milano apre i battenti Urania Casa d’Aste, con una prima vendita officiata presso lo spazio WOW, il Museo del Fumetto di Milano, preceduta dall’esposizione il 2-3 maggio. Tra i 360 lotti […]

Una tavola di Linus in catalogo a Milano

Nasce a Milano un nuovo punto di riferimento per il mercato delle tavole e illustrazioni originali dei maestri del fumetto. Il 4 maggio a Milano apre i battenti Urania Casa d’Aste, con una prima vendita officiata presso lo spazio WOW, il Museo del Fumetto di Milano, preceduta dall’esposizione il 2-3 maggio. Tra i 360 lotti in catalogo, stimati tra i 100 e i 22mila euro, una tavola di Guido Crepax, Dr. Jekyll e Mr. Hyde, stimata 4.500-6mila euro, un’illustrazione di Antonio Rubino degli anni ’10, una rara tavola della prima serie dell’Eternauta di Lopez, una potente copertina di Dell’Otto per Spider-Man e un Superman di Banchi.
Molti pezzi interessanti di Magnus, un’incredibile tavola di Benito Jacovitti per il suo famosissimo Pinocchio (€9.500-13mila), un importante ritratto “ritrovato” di Zanardi di Pazienza, due bellissimi acquerelli di Pratt e alcune tavole di Ferenc Pintér, senza tralasciare autori stranieri quali Schulz, Bolland, Peyo, Lloyd, Thole e George Herriman. L’Italia vanta il terzo mercato mondiale per le tavole originali dopo USA e Francia, un settore in crescita nel quale anche Christie’s ha fatto il proprio ingresso di recente, inaugurando un dipartimento dedicato al fumetto con la prima asta a Parigi lo scorso aprile.

Domenica 4 Maggio 2014
Spazio WOW – Museo del Fumetto
Viale Campania,12 – Milano
www.uraniaaste.com

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.