Spazio Grisù protagonista al Salone del Restauro di Ferrara. La “nuova Factory della creatività” apprezzata dal ministro Franceschini promuove gli spazi dell’ex caserma ed i primi progetti realizzati

“È bellissimo vedere un luogo abbandonato che diventa sede di piccole iniziative prevalentemente di giovani che basano il loro futuro sul talento, sulla creatività, sulla fantasia, cioè esattamente quello che ha reso forte l’Italia nei secoli e nel mondo. Quindi è su quello che bisogna puntare”. Con queste parole il ministro dei Beni Culturali Dario […]

Il Ministro Dario Franceschini all'uscita di Spazio Grisù

È bellissimo vedere un luogo abbandonato che diventa sede di piccole iniziative prevalentemente di giovani che basano il loro futuro sul talento, sulla creatività, sulla fantasia, cioè esattamente quello che ha reso forte l’Italia nei secoli e nel mondo. Quindi è su quello che bisogna puntare”. Con queste parole il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini commentava la visita nella sua Ferrara – il 7 marzo scorso – dello Spazio Grisù, “nuova Factory della creatività” creata da oltre un anno, dopo il sisma che sconvolse l’Emilia, da un gruppo di economisti, architetti, imprenditori ed esperti di comunicazione ritrovatisi sulla volontà di trasformare una ex-Caserma dei Vigili del Fuoco “in una fabbrica della cultura e della creatività, con ricaduta sulla realtà territoriale e regionale, per entrare in rete e collaborare con altre Factory a livello internazionale”.
Spazio Grisù ora è presente al Salone del Restauro di Ferrara – di cui vi parlavamo nei giorni scorsi -, nell’area “Atmosfera creativa”, per promuovere le proprie attività e dare compiutezza al progetto complessivo. I lavori proseguono e le imprese che ne fanno parte sono già dodici, molte delle quali stanno ricevendo premi e riconoscimenti prestigiosi nei diversi settori in cui operano. Dei 4mila mq. dello stabile, attualmente è occupato circa un 50%, per gli altri spazi il bando di ammissione è aperto: sono in corso nuove selezioni da parte del Consiglio Direttivo dell’Associazione non profit Grisù per assegnare i locali della ex Caserma ancora liberi. Per citarne qualcuna, Andrea Amaducci, vicePresidente dell’Associazione Grisù e visual artist e performer, sta coordinando, insieme all’Associazione Alpha Centauri, un laboratorio teatrale che vede coinvolte alcune scuole e che sarà seguito da uno spettacolo itinerante in vari luoghi d’interesse della zona, che a giugno culminerà con la serata presso Spazio Grisù. Nella corte interna della ex Caserma, da fine maggio ai primi di agosto, si terrà la seconda edizione della rassegna musicale “The Secret Garden”, l’unico festival in Italia dedicato alla sottocultura musicale britannica.

www.spaziogrisu.org

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.