L’arte urbana ha trovato casa. Nuova sede a Torino per il MAU, in condivisione con la Galleria POW. Che dal centro di Torino si sposta in Borgo Campidoglio: apertura con lo street artist torinese Xel

Dal lontano 1995 il nucleo originario è in Borgo Vecchio Campidoglio, un quartiere operaio torinese di fine ‘800. Ma da museo diffuso di arte urbana il MAU è oggi diventato una struttura museale a tutti gli effetti, presieduta e diretta da Edoardo Di Mauro, grazie ad un atto della Giunta Comunale. Mancava solo una sede […]

Xel, Jack

Dal lontano 1995 il nucleo originario è in Borgo Vecchio Campidoglio, un quartiere operaio torinese di fine ‘800. Ma da museo diffuso di arte urbana il MAU è oggi diventato una struttura museale a tutti gli effetti, presieduta e diretta da Edoardo Di Mauro, grazie ad un atto della Giunta Comunale. Mancava solo una sede logistica permanente e non più provvisoria. Ora c’è anche quella e ospiterà attività artistiche, aggregative e didattiche, coordinate da Barbara Bordon (già responsabile dell’archivio immagini) e le riunioni del Centro Commerciale Artigianale Naturale Campidoglio e dei Comitati Spontanei della IV Circoscrizione, un punto di riferimento per il Borgo Vecchio Campidoglio e per gli artisti, artigiani, commercianti e residenti del quartiere. Con un’attenzione sempre più marcata nei confronti della street art, come abbiamo anche spiegato nel nostro focus sul numero 18 di Artribune Magazine che uscirà in occasione di MiArt, assieme ad altre realtà street del “caso studio” Torino.
La nuova sede del MAU, che si inaugurerà venerdì 28 marzo – alle 17.30 -, con una serie di installazioni urbane degli artisti Matteo Ceccarelli e Luj Vacchino, distribuite lungo la via pedonale Rocciamelone, sarà in condivisione con la Galleria Pow Alessandro Icardi che, dalla centralissima piazza Castello, si è trasferita nel quartiere Campidoglio. Per la sua nuova apertura, giovedì 27 marzo alle 18, inaugura un nuovo corso, dedicato alle generazioni artistiche legate alla street art e alla pop art, con aperture al design e all’illustrazione: debutto con una personale dello street artist torinese Xel. Che del suo lavoro dice: “Ho trasformato pezzi di ‘throw-up’ o ‘bubble’: stili di lettering che provengono direttamente dai graffiti (e quindi dalle mie origini), in personaggi che attendono all’infinito delle risposte rimanendo spesso insoddisfatti”. La mostra, visibile fino al 3 maggio, sarà curata da Edoardo Di Mauro, Aline Blanc e Verdiana Festa, quest’ultime due giovani curatrici che entrano a far parte del nuovo progetto della Galleria Pow Alessandro Icardi.

– Claudia Giraud

www.museoarteurbana.it/
www.powalessandroicardi.com

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).