La storia dell’arte raccontata da due occhi Disney. Nuovo film d’animazione di Aaron Blaise e Chuck Williams: e sostenendo il progetto su Kickstarter tutti possono suggerire opere per la sceneggiatura…

Una fantastica avventura nel mondo della storia dell’Arte, che cerca di dare “nuova vita” a numerosi celebri dipinti. La particolarità? Che tutti possono scegliere la loro opera preferita, da inserire nel cartone animato. Basta fare una piccola donazione, anche di un solo dollaro, contribuendo alla raccolta dei 350mila dollari necessari a coprire le spese di […]

Una fantastica avventura nel mondo della storia dell’Arte, che cerca di dare “nuova vita” a numerosi celebri dipinti. La particolarità? Che tutti possono scegliere la loro opera preferita, da inserire nel cartone animato. Basta fare una piccola donazione, anche di un solo dollaro, contribuendo alla raccolta dei 350mila dollari necessari a coprire le spese di produzione del video. Di che parliamo? Di Art Story, l’idea di Aaron Blaise e Chuck Williams, autori forti dell’esperienza in casa Disney (entrambi hanno dato vita a numerosi personaggi Disney infatti).

La storia di nonno e nipote (che guarda caso si chiama Walt), in un divertente viaggio alla scoperta dei capolavori e degli artisti per eccellenza, da Grant Wood a Vincent van Gogh. Mordente narrativo della vicenda: la diversità di carattere di nonno e nipote, i quali devono impegnarsi per andare d’accordo nell’arco della vicenda narrata. Attraverso una combinazione di disegni a mano, animazione CG e diverse tecniche di rendering. A giudicare dalla clip postata on line – e dal backstage – sembra che possa trattarsi di una vera occasione per grandi e piccini di entrare più intimamente a contatto con alcune delle immagini che hanno composto il patrimonio collettivo del nostro immaginario artistico-visivo.

Ancora una volta insomma sono affidate al sito di crowdfounding Kickstarter le sorti della realizzazione di un progetto artistico: c’è ancora un mese di tempo, se volete trasformarvi in produttori il link lo trovate qui sotto…

– Diana Di Nuzzo

Contribuisci alla realizzazione del film

CONDIVIDI
Diana Di Nuzzo
Scrive di Pop Surrealism e Lowbrow Art da tempo, e la sua passione per la cultura pop e underground l'ha portata a trasferirsi nella Grande Mela per conoscere da vicino il mondo delle gallerie dedicate e della Street Art. Qui trova pane per i suoi denti e tenta di fare la corrispondente all'estero cercando di dare voce a movimenti che in Italia restano ancora poco conosciuti. Appassionata di fumetti e toys di ogni epoca e tipo, è ormai ossessionata da Instagram e Facebook, al punto di averne fatto una semiprofessione. Nel campo delle arti visive predilige il mondo del figurativo e ha un debole per gli anni '80 e il suo universo di immagini trash, ipercolorate e molto spesso kawaii. Per il futuro confida di disintossicarsi dalla sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie (di recente acuita da New York) e da quella dell'Analisi Semiotica.