Verso la Biennale: nuovi spazi, aspettando il grande opening. Con una personale di Stefano Arienti apre a Dorsoduro Marignana/arte, galleria con tanto di archivio-biblioteca

Inaugurazione in solitaria, pochi giorni prima che esplodano i fuochi d’artificio del grande evento veneziano. Marignana/arte, nuovo spazio per il contemporaneo che va ad arricchire la rete di realtà private attive in Laguna, si inscrive in quella lunga tradizione culturale del sestriere Dorsoduro, trasformatosi via via un’officina creativa per grandi artisti del ‘900 ed eccellenze […]

Stefano Arienti, Copertine, 2012 - argilla e traforatura su fotocopie - foto Niccolò Gandolfi

Inaugurazione in solitaria, pochi giorni prima che esplodano i fuochi d’artificio del grande evento veneziano. Marignana/arte, nuovo spazio per il contemporaneo che va ad arricchire la rete di realtà private attive in Laguna, si inscrive in quella lunga tradizione culturale del sestriere Dorsoduro, trasformatosi via via un’officina creativa per grandi artisti del ‘900 ed eccellenze museali, dalla Collezione Peggy Guggenheim alla Fondazione Vedova.
Preannunciando un programma di mostre orientate alle ricerche più attuali, Marignana/arte amplia le sue attività con un archivio documentario in cui trovare libri, cataloghi e opere grafiche relativi alla scena internazionale. Sabato 25 maggio l’apertura, con una mostra di Stefano Arienti che raccoglie alcuni suoi lavori recenti. Copertine è una collezione di immagini con cui ricostruire un modello di biblioteca ideale: l’installazione ambientale, costituita da 230 fogli di carta traforata, restituisce perfettamente quell’estetica della leggerezza, del lirico e dell’effimero, propria della coltissima ricerca di Arienti. Così come i  vinili modificati da un sottile intarsio di fori o come le formelle in terracotta che appartengono alle ultime sperimentazioni dell’artista. Reinvenzioni del quotidiano, per raccontare il semplice attraverso la complessità di associazioni, riflessi, suggestioni incrociate, evocazioni e sottili intuizioni  attraverso cui si costituisce l’esistenza.

– Helga Marsala

Marignana/arte
Dorsoduro 141 – 30123 Venezia
T +39 347 1828553

www.marignanaarte.it
i[email protected]

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.