New York Updates: a volte ritornano. Frieze NY è l’occasione per rilanciare la storica rivista Cahiers d’Art

In copertina un lavoro di Ellsworth Kelly, in occasione del suo 90esimo compleanno (e di Kelly apre sempre a New York in questi giorni una mostra da Matthew Marks, di cui nei giorni scorsi vi abbiamo anche proposto un breve video). All’interno, articoli su e opere di Cyprien Gaillard, Sarah Morris, Adrian Villar Rojas e […]

In copertina un lavoro di Ellsworth Kelly, in occasione del suo 90esimo compleanno (e di Kelly apre sempre a New York in questi giorni una mostra da Matthew Marks, di cui nei giorni scorsi vi abbiamo anche proposto un breve video). All’interno, articoli su e opere di Cyprien Gaillard, Sarah Morris, Adrian Villar Rojas e Oscar Niemeyer. Quanto alle firme, ci sono nomi come Tadao Ando, Hans Ulrich Obrist (che fa parte dell’editorial board insieme a personaggi del calibro di Samuel Keller) e Yve-Alain Bois. Parliamo della prima uscita della nuova serie dei parigini Cahiers d’Art, che scelgono la platea di Frieze New York per iniziare un nuovo corso, dopo l’acquisto della testata da parte del collezionista svedese Staffan Ahrenberg. La rivista ha anche uno spazio espositivo nella capitale francese (al momento in rue du Dragon c’è una personale di Alexander Calder) e inoltre si può acquistare la versione in edizione limitata della rivista stessa sia in inglese che in francese (sono disponibili 75 copie per lingua).

– Marco Enrico Giacomelli

www.cahiersdart.fr

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.