Lo Strillone: l’arte conquista il cinema su La Stampa, con il boom dei documentari sulle mostre più cool del momento. E poi l’esercito a presidiare la Reggia di Caserta, la lavorazione del corallo in Sicilia, riapre il Rijksmuseum…

Manet al cinema è meglio che dal vivo: su La Stampa le grandi mostre dai musei d’Europa arrivano sul grande schermo per documentari mozzafiato. Proiezioni che fanno il boom: niente riproduzione in dvd per eventi che diventano unici, come una visita reale. Continua a tenere banco lo stato di degrado della Reggia di Caserta: il […]

Quotidiani
Quotidiani

Manet al cinema è meglio che dal vivo: su La Stampa le grandi mostre dai musei d’Europa arrivano sul grande schermo per documentari mozzafiato. Proiezioni che fanno il boom: niente riproduzione in dvd per eventi che diventano unici, come una visita reale. Continua a tenere banco lo stato di degrado della Reggia di Caserta: il sindaco della città Pio Del Gaudio chiede su Libero l’intervento dell’esercito.

Più pubblico rispetto al passato: i bilanci di MiArt su Il Giornale; il mito di Amore e Psiche dall’arte classica a Kounellis in mostra a Palazzo Barolo e su Corriere della Sera.

Due brevi su L’Unità ci ricordano le mostre di Jeff Wall a Milano e di Michelangelo Antonioni a Ferrara; mezza pagina su Italia Oggi per la completa riapertura del restaurato Rijksmuseum di Amsterdam. Arts and crafts alla siciliana su Avvenire: in mostra a Catania secoli di creazioni in corallo; il manifesto alla Fondazione Corrente per la personale di Velasco Vitali.

– Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.