È il momento di Paola Pivi: dopo l’installazione aerea a Central Park, una personale all’altro capo del mondo, al Rockbund Art Museum di Shanghai. Su Artribune le foto dell’opening

Lo è sempre stata, un’artista globetrotter ed ecumenica. Ma in quest’estate 2012 Paola Pivi ha deciso di dare un’evidenza plastica, tangibile e incontrovertibile, a questa sua vocazione. E allora ecco che a New York – ne abbiamo dato notizia nei giorni scorsi – installa il suo How I Roll, un aeroplano piper Seneca a sei […]

Il pubblico osserva What goes round - art comes round, opera che campeggia anche sui manifesti della mostra

Lo è sempre stata, un’artista globetrotter ed ecumenica. Ma in quest’estate 2012 Paola Pivi ha deciso di dare un’evidenza plastica, tangibile e incontrovertibile, a questa sua vocazione. E allora ecco che a New York – ne abbiamo dato notizia nei giorni scorsi – installa il suo How I Roll, un aeroplano piper Seneca a sei posti che volteggia intorno a un perno, a Central Park, progetto prodotto dal Public Art Fund.
Neanche il tempo di brindare all’installazione, che l’imprevedibile quarantenne – che vive da tempo ad Anchorage, Alaska – approda a Shanghai, per la sua prima grande personale in Cina, al Rockbund Art Museum. Tre monumentali installazioni, un grande disegno e una selezione di fotografie, dipinti e oggetti, per l’esposizione curata dal direttore del museo, Larys Frogier, titolo Share, But It’s Not Fair. L’occasione era troppo ghiotta per Artribune, che infatti documenta l’evento con immagini dell’opening e delle opere esposte…

  • aria

    una mediocre gonfiata

    • Alfredo Aceto

      mediocre sei tu

  • Alfredo Aceto

    Brava Paola!!!