Sbocciano i muri di Lecco. Tanti wall painting, una mostra e due bandi pubblici. Seconda edizione per Street View, creatura e vanto dell’assessore Michele Tavola

Ci ha creduto tanto, Michele Tavola, a questo progetto per la città di Lecco. Un festival dedicato ai giovani artisti e al rapporto tra libera creatività e spazio urbano. Una scommessa personale, racchiusa sotto al nome di Lecco Street View. Quasi quarantenne, critico d’arte di Repubblica, curatore e dal 2010 assessore alla cultura, Tavola è […]

Lecco Street View 2011

Ci ha creduto tanto, Michele Tavola, a questo progetto per la città di Lecco. Un festival dedicato ai giovani artisti e al rapporto tra libera creatività e spazio urbano. Una scommessa personale, racchiusa sotto al nome di Lecco Street View. Quasi quarantenne, critico d’arte di Repubblica, curatore e dal 2010 assessore alla cultura, Tavola è talmente affezionato al suo street-project, che lo scorso weekend, alla convention fiorentina di Matteo Renzi dedicata alle storie, i successi e i progetti degli amministratori d’Italia (quelli del Pd e dintorni, ovviamente), ha deciso di raccontare proprio questa esperienza: motivo d’orgoglio, individuato come esempio del suo impegno per il territorio.
Lanciato nel 2011, con la cura di Chiara Canali, grazie a una collaborazione tra il Comune e l’associazione Art Company, Lecco Street Views torna anche quest’anno, con alcuni obiettivi cruciali: riqualificare aree degradate della città, utilizzando i wall painting come landmarker e nuovi generatori di bellezza; contribuire a sviluppare il dibattito sui temi del graffitismo e della street art; affrancare questa pratica artistica da quella zona d’ombra e d’illegalità che la tiene, spesso, ai margini della comunità, tra scampoli di diffidenza; offrire agli artisti l’opportunità di usufruire di spazi ampi – e legalizzati – per esprimersi e lavorare.

Lecco Street View 2011. Ivan in azione

Per questa edizione, oltre a replicare gli interventi sui muri dei quartieri, il festival organizza una mostra, presso la Torre Viscontea di Lecco e nella Quadreria Bovara Reina di Malgrate. Il concept? Un allestimento di 60 opere, tra pitture, sculture e installazioni, realizzate dagli artisti presenti all’happening di Live Painting del 2011: un mix di graffittari “Old School”, writers esplosi alla fine degli anni Novanta e urban artists delle ultimissime generazioni. Qualche nome: Pao, Atomo, Bros, Pus, Ivan, Orticanoodles. E poi due bandi di concorso: Melting Pop – Meltring Street e I nuovi centri di aggregazione – Premio Meridiana. Il primo, con una sezione under 35 e una over 35, chiede a street artisti italiani e stranieri di intervenire sulla facciata del Centro Civico di Via dell’Eremo 28, sviluppando il tema dell’integrazione e della multiculturalità; il secondo, solo per artisti lombardi di max. 35 anni, punta a individuare chi dipingerà la facciata della sede del centro Informagiovani di Lecco, a partire dai concetti di socializzazione e di aggregazione nel terzo millennio.

– Helga Marsala 

Lecco Street Art View exhibition
a cura di Chiara Canali
opening: 30 giugno 2012, ore 18
fino al 29 luglio 2012
sedi: Lecco, Torre Viscontea – Piazza XX Settembre 3
Malgrate, Quadreria Bovara Reina – Via San Dionigi 8/10
orari: da martedì a venerdì 15–19; sabato e domenica 10.30 – 12.30; 15–19; lunedì chiuso – ingresso gratuito
info e bandi: www.artcompanyitalia.com; www.comune.lecco.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.