Lo Strillone: il decalogo di TQ contro il marketing culturale su La Repubblica. E poi Francesco Merlo Vs. Ornaghi, 26milioni di dollari per una ciotolina, la riabilitazione di Sandro Bondi…

Potevano farsi mancare il loro manifesto? Ovviamente no: TQ, fumoso progetto di preteso rilancio culturale del paese, lancia dalle colonne de La Repubblica un decalogo contro il marketing culturale. Totalmente fuori dal tempo e dallo spazio. Un po’ come la polemica innescata da Francesco Merlo, che attacca Ornaghi per non essersi inserito nell’asta che ha […]

Quotidiani
Quotidiani

Potevano farsi mancare il loro manifesto? Ovviamente no: TQ, fumoso progetto di preteso rilancio culturale del paese, lancia dalle colonne de La Repubblica un decalogo contro il marketing culturale. Totalmente fuori dal tempo e dallo spazio. Un po’ come la polemica innescata da Francesco Merlo, che attacca Ornaghi per non essersi inserito nell’asta che ha visto Dell’Utri accaparrarsi i documenti delle BR: su Il Giornale le reprimende di Vittorio Sgarbi.

Che facciamo a Pasquetta? Beh, perché non un bel giro per mostre?!? Agenda delle feste su Quotidiano Nazionale: tra le curiosità Mattioli a Bologna, Richter a Berlino e Tirelli a Roma. È stato assessore alla Cultura della Milano guidata da Albertini: Salvatore Carrubba edita con Longanesi Il cuore in mano, riflessione sulla città di oggi e su quella che sarà domani. Anticipazione su Corriere della Sera.

All’anima della crisi! Sarà che in Cina i quattrini li hanno eccome, ma spendere più di 26milioni di dollari per aggiudicarsi una ciotolina sembra esagerato. Design stile Muji (o Ikea: fate voi) per il reperto cotto mille anni fa da anonimi ceramisti: sulla prima pagina de La Stampa il resoconto dell’asta da Sotheby’s Hong Kong.

Di nuovo a Pompei: Avvenire presenta il piano di salvataggio del sito archeologico, pronto a partire grazie ai fondi europei; Il manifesto sottolinea cosa c’è in mezzo tra il dire e il fare. Il Foglio propone la riabilitazione di Sandro Bondi: sui crolli a Pompei è rimasto con il cerino in mano, finendo per pagare anni di incompetenze e malaffare.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.
  • CriticaCritici…e altri

    MA QUALE CULTURA, QUALE ARTE, QUALE POLITICA… PER L’ARTE CONTEMPOTANEA IN ITALIA? PROPORREI AL MINISTRO ORNAGHI DI BANDIRE UN POCO DI CONCORSI DI IDEE E DI REALIZZARLE / O FARLE REALIZZARE DAI VINCITORI – COME PREMIO DAREBBE DARE CORSO ALLA LORO REALIZZAZIONE / I MEZZI ECONOMICI SI TROVANO E LE BUONE IDEE CI SONO…SUVVIA MINISTRO FACCIA RIMBOCCARE LE MANICHE AL MIBAC…