Una storia monumentale. La fotografia secondo Unicredit e Skira, a Milano

Se, sul numero attualmente in distribuzione di Artribune Magazine, abbiamo dedicato la pagina dell’editoria dei Consigli per gli acquisti proprio alla fotografia, è anche “colpa” di un libro targato Unicredit/Skira. Coordinato e curato da Walter Guadagnini, questo nuovo progetto si sviluppa in quattro tomi e ha l’ambizione di raccontare la fotografia. Miscelando saggi critici e […]

La Fotografia

Se, sul numero attualmente in distribuzione di Artribune Magazine, abbiamo dedicato la pagina dell’editoria dei Consigli per gli acquisti proprio alla fotografia, è anche “colpa” di un libro targato Unicredit/Skira. Coordinato e curato da Walter Guadagnini, questo nuovo progetto si sviluppa in quattro tomi e ha l’ambizione di raccontare la fotografia. Miscelando saggi critici e monografici, focus su libri e mostre, glossari e bibliografie. E naturalmente tantissime immagini in grande formato. Il primo volume parte, va da sé, dalle origini. Dunque da Daguerre, e copre il periodo compreso fra il 1839 e il 1890. Un lavoro importante, che va ad affiancarsi a un altro progetto memorabile della partnership fra banca ed editore: l’Arte del XX secolo in cinque volumi curati da Valerio Terraroli.
A presentare questa prima tappa editoriale saranno, lunedì 30 gennaio a Milano (alle 18.30 al Teatro Franco Parenti), Walter Guadagnini, Massimo Vitta Zelman (presidente di Skira), Jean-Claude Mosconi (advisor Unicredit) e Mimmo e Francesco Jodice.

– Marco Enrico Giacomelli

Milano // 30 gennaio 2012 ore 18.30
La Fotografia
a cura di Walter Guadagnini
TEATRO FRANCO PARENTI
Via Pier Lombardo 14
www.skira.net

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014). In qualità di traduttore, ha curato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.
  • Alessandra

    Davvero un gran bel libro!

  • Io-e-Te

    Ottimo lavoro skirà