Fiere-satellite: dopo The Others, qualcosa comincia a muoversi anche in Italia?

Ne abbiamo scritto innumerevoli volte, di quell’anomalia tutta italiana che di fatto comportava l’inesistenza di fiere-satellite allestite durante lo svolgersi di eventi come Artissima a Torino o Arte Fiera a Bologna. Ora però qualcosa si sta muovendo: e se The Others affiancherà la rassegna piemontese, è ancor più atipico che proprio Arte Fiera – che […]

Artefiera 2011

Ne abbiamo scritto innumerevoli volte, di quell’anomalia tutta italiana che di fatto comportava l’inesistenza di fiere-satellite allestite durante lo svolgersi di eventi come Artissima a Torino o Arte Fiera a Bologna. Ora però qualcosa si sta muovendo: e se The Others affiancherà la rassegna piemontese, è ancor più atipico che proprio Arte Fiera – che di fatto è la fiera più forte in Italia in termini di movimentazione di capitali – rimanga all’asciutto.
Questo è il primo dato di cui tener conto. Il secondo è l’attestarsi fiere-globetrotter come Volta, Scope, Pulse, AAF. Ed è il secondo dato. A metterli insieme, ne vien fuori qualcosa che è normale in tante città del mondo, ma che in Italia avrebbe dell’incredibile. Le voci corrono, e ci auguriamo siano fondate. E naturalmente ne saprete di più seguendo queste colonne nelle prossime settimane…

– Marco Enrico Giacomelli

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Fare una fiera satellite in Italia è un suicidio commerciale per gli eventuali partecipanti

  • effe ci

    Perché, farne una ‘istituzionale’ cos’è?