La tormentata vicenda biografica di Vincent van Gogh (1853 – 1890) viene riassunta in un breve ma efficace video dal magazine Vox. Incentrato principalmente sui suoi spostamenti geografici – da Zundert, paese natale, all’Aia, fino a Parigi e alla Provenza – il filmato racconta di un giovane uomo alla ricerca della propria strada, ignorato dal mondo ma capace di lasciare in eredità un corpus di dipinti straordinari, opere che avrebbero cambiato per sempre il corso della storia dell’arte.
Le sue tele – si calcola che ne abbia lasciate circa 900 – valevano poco o niente alla sua morte, ma un secolo dopo, nel 1990, il suo Ritratto del dottor Gachet (1890) fu battuto all’asta per oltre 82 milioni di dollari.
Amato allo stesso modo dagli artisti e dalla gente comune, van Gogh rappresenta nell’immaginario collettivo il prototipo perfetto del talento incompreso e psicologicamente instabile, uno stereotipo che ancora oggi il mestiere dell’artista fa fatica a scrollarsi di dosso.

Dati correlati
AutoreVincent Van Gogh
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.