Esordio alla regia per Giorgio Pasotti con Io, Arlecchino, storia di buoni sentimenti e nostalgia che vede due generazioni di attori a confronto. L’attore rispolvera il personaggio tradizionale di Arlecchino per una riflessione sui gusti del grande pubblico e i contenuti offerti dalla macchina mediatica italiana. Lo fa usando un linguaggio semplice, alcune volte ingenuo, ma pieno di buoni propositi.

Nel cast Roberto Herlitzka, l’ex VJ di MTv Valeria Bilello e Lunetta Savino. Firma la regia con Pasotti il giovanissimo Matteo Bini, appena reduce dalla sua formazione tecnica londinese. Il film è nato grazie a sforzi congiunti del cast e di Rai Cinema.

Federica Polidoro

 

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.