Storia come Natura. Gli anni ’70 e Carlo Zauli
a cura di Christian Caliandro

cap I – Intro. Non la solita storia
relatori: Antonio Scurati, Massimiliano Panari
modera: Christian Caliandro

Milano, 16 maggio 2012
Galleria Bianconi, Milano
Promosso da Museo Carlo Zauli e Galleria Bianconi, Milano

Video: produzione Artribune Television

Storia come Natura. Gli anni ’70 e Carlo Zauli: è questo il titolo di una serie di conversazioni curate da Christian Caliandro, ideate in forma di percorso teorico tra arte contemporanea e letteratura, cinema e musica, storia e società. Punto di partenza è la figura di Zauli, nel decennale della sua scomparsa, che è anche l’anniversario della nascita del Museo faentino a lui dedicato.
L’artista, tra i più interessanti scultori italiani del secondo Novecento, a partire dal 1976 produsse la serie dei Vasi Sconvolti, opere che raccontano la reazione dell’artista di fronte al capovolgimento di un’intera società: sono proprio queste opere a fungere da spunto e ispirazione per il dibattito.
Intro. Non la solita storia, svoltosi il 16 maggio negli spazi della Galleria Bianconi, è il primo appuntamento del ciclo: una riflessione sugli anni Settanta italiani, con un’attenzione particolare per la fase di transizione tra la seconda metà del decennio e l’ingresso degli Ottanta.

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.