Archivio / New York

quotidiani

Lo Strillone: Il bacio di Francesco Hayez all’asta per 2 milioni di dollari su L’Unità. E poi MoMa batte Metropolitan, cultura e creatività all’inglese

“Nuovo record mondiale per il dipinto-simbolo del Romanticismo italiano”. L’Unità riferisce che “una delle tre versioni di ‘Il bacio’ di Francesco Hayez è stata battuta lunedì sera dalla casa Christie’s al Rockefeller Plaza di New York per quasi 2 milioni di dollari……

Commenta
quotidiani

Lo Strillone: Christo al lago di Iseo esempio di strategia turistica contemporanea sul Corriere della Sera. E poi addio ad Alberto Cavallari, Smart City

“Partiamo da qui, da un interesse turistico che sboccia da un’idea, per tentare ancora una volta di spiegare ai nostri connazionali – al centro, per fare sistema, e alla periferia dei territori per generare nuove esperienze – come la politica turistica italiana……

Commenta
Il Metropolitan Museum di New York

Tagli, pensionamenti anticipati e stop ai progetti. Il Metropolitan Museum di New York vara un piano per salvare le finanze del museo. 10 milioni di dollari il deficit

Le storie di tagli e sforbiciate non sono solo questione italiana, né solo europea. Avviene infatti che il Metropolitan Museum di New York, tra le istituzioni museali più grandi e importanti al mondo, annunci che le cose non stanno funzionando per il verso……

Commenta
Il progetto del water d'oro di Cattelan (Maurizio Cattelan)

I 5 imperdibili della settimana: il water d’oro di Maurizio Cattelan, Jan Fabre a Firenze, il nudo nella storia dell’arte, didascalie museali, Mario Giacomelli

Tribnews – Molti lo criticano, alcuni lo deridono, ma tutti ne parlano: Maurizio Cattelan installa un water d’oro nelle toilettes del Guggenheim di New York. Noia o genio? Tribnews – Firenze ancora protagonista nel contemporaneo. Partita la grande mostra di Jan Fabre,……

Commenta
quotidiani

Lo Strillone: Cattelan parla (anche) del cesso d’oro installato al Guggenheim su Sette. E poi spiragli sul mistero Nefertiti, Polo del ‘900 a Torino

“Entri nel museo, fai la coda per il bagno, ti chiudi dentro e finalmente sei faccia a faccia – se così si può dire – con l’opera, tu e lei da soli”. Su Sette Francesca Pini dialoga con Maurizio Cattelan, ed è……

Commenta
Il progetto del water d'oro di Cattelan (Maurizio Cattelan)

Maurizio Cattelan installa un water d’oro nelle toilettes del Guggenheim di New York. Noia o genio? A voi la parola

Al New York Times non devono conoscere bene Maurizio Cattelan, se spendono molte righe di un articolo a disquisire su quella che a tutti è apparsa subito come una – ennesima – boutade, ovvero l’annuncio del pensionamento dell’artista nel 2011. Tutti sanno……

Commenta
Frieze New York 2015

Frieze? È una macchina da soldi. La fiera d’arte sigla un accordo con la superagenzia William Morris: che gestisce modelle, tennisti e sciatori

Alcuni, i più puristi, magari anche un pochino snob, commenteranno: e questa sarebbe una crescita? L’arte considerata alla stregua di una sfilata di moda, o di un torneo di tennis? Legittimo anche pensarla così, ma qui in realtà si parla eminentemente di……

Commenta
Toyo Ito, Sendai Mediatheque, Miyagi, 1995-2001 - photo © Naoya Hatakeyama

Come brilla l’architettura giapponese. Al MoMA di New York

I più importanti architetti giapponesi sono in mostra al MoMA di New York. Per l’ultima mostra di Pedro Gadanho, ormai ex curatore della sezione architettura…

Commenta
Agostino Arrivabene, Hierogamy, Cara Gallery, New York 06

Italiani in trasferta. Fra linguaggi arcaici e paesaggi romantici, la pittura di Agostino Arrivabene incontra New York: ecco le immagini dalla Cara Gallery

Sono passati solo pochi mesi dall’inaugurazione, ma sono già sufficienti per affermare che l’arte italiana – soprattutto quella delle nuove generazioni – ha ormai un punto di riferimento certo in quell’universo complesso e mutevole che è New York. Ne abbiamo già parlato……

Commenta
Andy Warhol, Do It Yourself (Violin), 1962 ca.

La potenza del non-finito. In mostra al nuovo MET

Metropolitan Museum, New York – fino al 4 settembre 2016. Una miscellanea di capolavori d’arte non-finiti inaugura la sede del nuovo MET su Madison Avenue a New York. Lasciando però qualche dubbio sull’efficacia delle scelte compiute dal team…

Commenta
Hilaire-Germain-Edgar Degas. Trois danseuses (Three Ballet Dancers). c. 1878–80. Monotype on cream laid paper, plate: 7 13/16 × 16 3/8” (19.9 × 41.6 cm). Sterling and Francine Clark Art Institute, Williamstown, Massachusetts, 1955.1386

Degas incisore in mostra al MoMA di New York. Un video spiega come lavorava

Una mostra affascinante, che racconta un lato dell’artista francese poco noto al grande pubblico. Edgar Degas fu introdotto all’incisione, e in particolare alla tecnica del monotipo, negli anni settanta dell’Ottocento. E da allora non l’ha più lasciata……

Commenta
La scultura pubblica di Elmgreen e Dragset (foto Public Art Fund)

Art Digest: una piscina-orecchio da una tonnellata e mezza. Ragnar, non dar retta ad Aernout. Salvador e Santiago, alla stazione

Una piscina a forma di orecchio. Quello (tagliato) di Vincent van Gogh. Pesa una tonnellata e mezza ed è sospesa a mezz’aria al Rockefeller Center, a New York: è la nuova scultura pubblica di Elmgreen e Dragset… (theguardian.com) “Aernout Mik, uno dei……

Commenta
NewYorkBeat #4

NewYorkBeat #4. Dal nuovissimo MET Breuer al mese delle donne

Focus di questa settimana – e come potrebbe essere altrimenti? – è l’apertura del nuovo MET Breuer, dedicato all’arte moderna e contemporanea. Marzo è però…

Commenta
Leigh Bowery

Leigh Bowery. Se non l’avete mai incontrato prima, è il momento di rimediare

Se n’è andato a soli 33 anni, lasciando una ricchissima eredità creativa che ispira ancora oggi i più grandi artisti e designer del mondo. Ecco la sua storia, nel giorno in cui avrebbe compiuto gli anni.

Commenta
Edward Hopper, Palazzo Fava, Bologna 20

Immagini della grande mostra di Edward Hopper a Bologna. A Palazzo Fava oltre 60 opere provenienti dal Whitney di New York

È probabilmente il più noto e popolare pittore statunitense del XX secolo: un colosso dell’arte il cui stile ha saputo incarnare perfettamente alcuni degli stereotipi della cultura figurativa popolare occidentale del secolo scorso, influenzando arte, letteratura, cinema, pubblicità. Dal 25 marzo 2016……

Commenta
André Vida dialoga con Long Sorrow di Anri Sala – New Museum, New York City 2016

Answer Me. Anri Sala a New York

New Museum, New York – fino al 10 aprile 2016 La prima volta di Anri Sala nella Grande Mela. Fra video e installazioni, una coinvolgente presentazione della poetica contemporanea dell’artista albanese. …

Commenta
tod's beecroft

La performance di Vanessa Beecroft per la sfilata di Tod’s al Pac di Milano

L’ha voluta Diego Della Valle per sottolineare il legame tra artigianalità e arte: ecco la performance di Vanessa Beecroft per l’apertura della sfilata Tod’s al Pac di Milano. Ma in febbraio una coreografia per il fashion show di Kanye West l’ha fatta entrare nei record…

Commenta
Jeffrey Deitch

Il ritorno a casa di Jeffrey Deitch. Il celebre gallerista si riappropria del suo secondo spazio newyorkese a Soho, in Wooster Street: da agosto prime mostre

Dopo essere tornato a New York, nello spazio originale Deitch Projects a 76 Grand Street lo scorso settembre, sembra ora imminente il suo definitivo ritorno alle origini su Wooster Street. Stiamo parlando di Jeffrey Deitch, mercante e consulente d’arte, gallerista, ex direttore……

Commenta
picasso_warhol02.jpg.webrend.1920.350

Jam session tra artisti: se l’inventa Sotheby’s per le aste di primavera

Sotheby’s lancia un video che sponsorizza le aste di primavera, dove artisti appartenenti ad epoche diverse s’incontrano in jam session immaginarie: il video, una goduria….

Commenta
Il MoMA a New York

Brain Drain. Parola a Chiara Bernasconi

Classe 1980, Chiara Bernasconi ha scelto la destinazione più ovvia per il mondo dell’arte, e quindi più difficile: lavorare a New York. Con risultati eccelsi, visto che è assistant director al MoMA. Ecco qual è stato il suo percorso….

Commenta
La facciata della Gagosian Gallery a San Francisco

Larry Gagosian apre una nuova galleria a San Francisco. È la sua numero 16, la prima fuori da una metropoli: cercando di prendere la scia del SFMoMA

“Siamo entusiasti di diventare più pienamente parti di questa scena artistica informata e vivace, a cui contribuiremo con un dinamico programma di mostre ed eventi”. Con questa parole Larry Gagosian annuncia in prima persona l’apertura di una nuova galleria del suo immenso……

Commenta
Pagina 1 di 57
12345...102030...Ultima »