Le due facce della Luna. Ryts Monet e Silvia Mariotti a Bari

Artcore, Bari – fino all’11 luglio 2015. La Luna, nelle sue più svariate sfaccettature, è il trait d’union fra Ryts Monet e Silvia Mariotti. Due artisti con background formativi e culturali distanti, che si intrecciano in “Nessun dove”.

Silvia Mariotti & Ryts Monet – Nessun dove - veduta della mostra presso Artcore, Bari 2015
Silvia Mariotti & Ryts Monet – Nessun dove - veduta della mostra presso Artcore, Bari 2015

Le isolate riprese fotografiche delle giostre nei luna park della riviera romagnola, sospese nel tempo e nello spazio per i forti tratti monocromatici, sono interrotte unicamente dai listelli fluorescenti posizionati ai bordi delle cornici. Ryts Monet (Bari, 1982) riesce a instaurare un dialogo con le immagini di Silvia Mariotti (Fano, 1980), scure, quasi completamente nere, in cui i protagonisti assoluti sono la Luna e il suo riflesso, che si disperde nei boschi, sui diversi materiali adoperati per la realizzazione dei set fotografici e nei lightbox, in cui si evidenzia l’importanza della luce e il suo valore di intermediazione tra la superficie nera e il candore del satellite. Fil rouge della mostra è l’installazione luminosa 20 years ago, in cui Monet richiama alla mente le scritte decadenti dei circhi Anni Cinquanta, scevre di orpelli decorativi ma con un forte significato politico, allo stesso tempo evocativo tra il tempo passato e sospeso, trasmesso nelle sue fotografie, e il tempo senza età riflesso nella luce della Luna.

Isabella Battista

Bari // fino all’11 luglio 2015
Silvia Mariotti / Ryts Monet – Nessun dove
a cura di Pietro Gaglianò
ARTCORE
Via De Giosa 48
347 6574411 / 340 7225237
[email protected]
www.artcore.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/45238/silvia-mariotti-ryts-monet-nessun-dove/

CONDIVIDI
Isabella Battista
Classe 1985, Isabella Battista vive a Bari. Laureata in Storia dell’Arte all’Università degli Studi di Bari, è giornalista pubblicista dal 2013. Con una forte propensione alla didattica museale e artistica, ha collaborato con diverse istituzioni con progetti per sensibilizzare il pubblico più giovane nei confronti dell’arte contemporanea e far partecipare attivamente gli studenti alla comprensione delle più moderne tecniche artistiche. Dal 2011 è membro delle redazioni di Puglia In e Artsob, mentre nel 2013 è stata coordinatrice della prima edizione della Project Room della Fondazione Museo Pino Pascali di Polignano a mare. Ama l’arte in tutte le sue forme, in particolare la fotografia e il linguaggio visivo contemporaneo a cui si sta appassionando anche praticamente e, appena ha l’occasione di partire, va alla ricerca di nuove realtà, esplorandole sia dal punto di vista culturale che artistico.