Paolo Inverni a Berlino. Realtà congelata da Mario Mazzoli

Galerie Mario Mazzoli, Berlino – fino al 14 marzo 2015. Il dialogo silenzioso tra old e new media è il cardine della mostra di Paolo Inverni. Installazioni e sound pieces con oggetti apparentemente inerti e quotidiani costudiscono ghost-track mnemoniche. Pronte a far deflagrare improvvisamente il reale.

Paolo Inverni (Savigliano, 1977; vive a Torino) ha costruito negli ultimi dieci anni un percorso non immanentemente riconoscibile ma autonomo e specifico, lavorando con coerenza con i principi base dell’espressione multimediale e della narrazione non lineare. Dietro l’apparente normalità di ciascun oggetto scelto da Inverni, si costudisce una riserva aurea di contenuti, raffinati o grezzi, che l’artista setaccia per palesarne l’intimo racconto e l’eterogeneità del precipitato sociale e culturale a cui questi lavori sono ascritti. Dalla sfera personale e affettiva di Ossigeno (arterie) e Ossigeno (voce) legata alla figura della nonna dell’artista, al riverbero sonoro che accompagna le agitazioni sociali ed economiche dei lavori Fremito e Muro. Alla sua seconda mostra presso la gallerie berlinese, l’artista orchestra una serie di piccole ma potenti installazioni, dove gli oggetti a tratti ricordano quelli del Qui sait? di Guy de Maupassant. Con una loro esistenza e memoria.

 

Riccardo Conti

 

Berlino // fino al 14 marzo 2015
Paolo Inverni – Eclissi
a cura di Francesco Tenaglia
MARIO MAZZOLI
Postdamer Strasse 132
+49 (0)30 75459560
[email protected]
www.galeriemazzoli.com

 

CONDIVIDI
Riccardo Conti
Riccardo Conti (Como, 1979) è critico d’arte e free lance editor per numerose pubblicazioni nazionali ed internazionali occupandosi principalmente di cultura visiva e sperimentazione audio e video. Ha curato diverse mostre per gallerie e spazi privati ed è autore di alcuni format televisivi riguardanti arti visive e cultura contemporanea. Ha insegnato presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, e tenuto seminari presso altre università ed istituzioni quali NABA, IULM, e KHIO di Oslo, attualmente insegna presso la facoltà di Architettura del Politecnico di Milano ed è docente di Visual Culture e Video Culture presso IED moda Lab. Dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.