Mario Merz Prize. Al via la prima edizione

Fondazione Merz, Torino – fino al 12 aprile 2015. In fondazione, la mostra dei finalisti della sezione Arte del primo Premio Internazionale Mario Merz. Tra 512 candidature sono stati scelti Lida Abdul, Glenn Ligon, Naeem Mohaiemen, Anri Sala e Wael Shawwki. L’annuncio del vincitore a fine aprile, mentre si è aperto il bando per la seconda edizione.

Glenn Ligon, Warm Broad Glow - photo Andrea Guermani

Se – come recita il comunicato stampa – “l’arte rappresenta la libertà di pensiero senza confini”, allora il Mario Merz Prize è destinato a crescere esponenzialmente e collocarsi tra i premi punto di riferimento per l’arte contemporanea. Come diceva Karl Kraus: “Il mondo ha esattamente i confini che l’immaginazione gli dà”. Sono tredici le opere in mostra fino al 12 aprile, dopodiché al voto del pubblico si aggiungerà quello della giuria. All’artista vincitore sarà dedicata una personale alla Fondazione Merz e alla Merz Foundation di Zurigo, accompagnata da una monografia.
Chi sono i cinque finalisti? Cosa li accomuna? Forse quella sensazione di nostalgia di cui è permeata l’intera mostra; quel senso di lontananza nello spazio e nel tempo, che scava in profondità, in luoghi raggiungibili solamente dentro noi stessi.
Lida Abdul (Kabul, 1973) è un’artista afghana che unisce in uno scenario di guerra e macerie due linguaggi artistici differenti: foto e video. Sia In Transit che in Time, Love and the Workings of Anti-Love, emerge una bellezza malinconica che ferma il tempo, rimandando immediatamente al ricordo e al pensiero di avere il diritto di essere bambini nel modo giusto. Il racconto che Glenn Ligon (New York, 1960) fa del modo in cui è arrivato a Warm Broad Glow II è la storia di come sia finito a utilizzare il neon nella sua opera, oltre che un tributo a Gertrude Stein. È concettualmente spregiudicato e dei cinque finalisti è forse quello più inclusivo e per il quale si raggiunge l’impatto visivo più immediato.

Lida Abdul, Time, Love and the Workings of Anti-Love - photo Andrea Guermani
Lida Abdul, Time, Love and the Workings of Anti-Love – photo Andrea Guermani

Sono quattro le installazioni dello scrittore visivo Naeem Mohaiemen (Londra, 1969). Conflitto e commedia surreale permeano la sua opera e questo emerge sia in United Red Army, il suo film più conosciuto, che in Der Weisse Engel. La forte presenza letteraria arricchisce intellettualmente il lavoro, ma il ritmo serrato e l’ambiente non sempre permettono di raggiungere l’attenzione richiesta per comprendere la totalità dei riferimenti, rischiando che i lavori nella loro complessità possano risultare a tratti dispersivi. Anri Sala (Tirana, 1974) racconta un vuoto. Sia in Note su Unravel che in Names in the Doldrums è come se risuonasse un’esecuzione in un non luogo. Il tempo e lo spazio sono sfasati, asincroni, in attesa di ricomporsi e ricongiungersi, ma mai dissonanti, come cullati da una corrente di risacca.

I due video di Wael Shawky (Alessandria d’Egitto, 1971) hanno un grande valore esotico ed estetico. Soprattutto l’utilizzo delle marionette in Cabaret Crusades: The Path to Cairo, ma anche il doppiaggio di Al Araba Al Madfuna. Fanno pensare alla magia; a qualcosa di mitico, antico e in qualche modo perduto.

Eugenio Giannetta

Torino // fino al 12 aprile 2015
Mario Merz Prize
a cura di Beatrice Merz
FONDAZIONE MERZ
Via Limone 24
011 19719437
[email protected]
www.fondazionemerz.org
www.mariomerzprize.org

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/37334/mario-merz-prize-i-finalisti/

 

CONDIVIDI
Eugenio Giannetta
Eugenio Giannetta vive a Torino. Giornalista e storyteller impegnato nella comunicazione per il Terzo Settore. Si è Laureato alla Facoltà di Lettere di Torino e ha frequentato la Scuola di Giornalismo e Relazioni Pubbliche Carlo Chiavazza. Dal 2010 è iscritto all’Ordine Nazionale dei Giornalisti Pubblicisti. Ha conseguito un Master in Comunicazione Sociale presso la Facoltà teologica di Torino. Ha partecipato a workshop di scrittura presso la Scuola Holden e con Davide Calì, aggiornandosi anche come addetto stampa presso il collettivo di giornalisti Lettera Ventitrè. Collabora con diverse testate giornalistiche per le quali si occupa di letteratura, attualità e sport.