I volti di Roma. Nell’obiettivo analogico di Davide Bramante

Galleria AnnaMarraContemporanea, Roma – fino al 7 marzo 2015. La Capitale ritratta da Davide Bramante. In una sovrapposizione di immagini ottenuta senza l’ausilio di programmi in post-produzione, ma con la tecnica dell’esposizione multipla in fase di ripresa. Fino a nove scatti sullo stesso fotogramma.

Davide Bramante, My own Rave. Roma (Città eterna), 2014, esposizioni multiple in fase di ripresa, non digitali
Davide Bramante, My own Rave. Roma (Città eterna), 2014, esposizioni multiple in fase di ripresa, non digitali

Non è la prima volta che Davide Bramante (Siracusa, 1970) fotografa Roma, ma in questa occasione ci sono due novità: l’uso del bianco e nero e la fotografia degli interni. C’è molta tecnica nelle foto di Bramante e un uso sapiente della macchina fotografica e della pellicola per ottenere determinati effetti, a volte commettendo appositamente degli errori. Al momento degli scatti, l’autore cerca un risultato ma spesso l’esito è a sorpresa anche per lui. Per Davide Bramante non basta una sola immagine a cogliere l’essenza di una città, a rappresentarla. Come egli stesso ci racconta, le sue foto equivalgono al suo sangue, derivano da ciò che ha vissuto, della terra in cui è nato, la quale ha subito dominazioni diverse che hanno nei secoli lasciato tracce sovrapposte. E così non esiste una sola Roma ma tante, frutto di una ricca stratigrafia storica, artistica e architettonica.

Barbara Di Tanna

Roma // fino al 7 marzo 2015
Davide Bramante – Più di una volta, più di una storia
a cura di Giorgia Calò
ANNAMARRA
Via Sant’Angelo in Pescheria 32
[email protected]
www.annamarracontemporanea.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/41416/davide-bramante-piu-di-una-volta-piu-di-una-storia/

CONDIVIDI
Barbara Di Tanna
Sono un architetto, mi occupo di progettazione architettonica e interior design. In passato ho lavorato nell'ambito del restauro architettonico ed archeologico. Ho sempre dipinto, disegnato, creato. Adoro lavorare con le mani e mi interessa l'arte in tutte le sue forme. Quasi per caso mi sono avvicinata al mondo del contemporaneo, territorio che sto esplorando con vivo interesse e curiosità, ricercando punti di incontro tra la mia professione e questa nuova passione.