Paolo Ventura, fotografo trasformista. Una mostra a Palazzo Borghese

Galleria del Cembalo, Roma – fino al 24 gennaio 2015. Siamo nelle eleganti e storiche sale di Palazzo Borghese. Dove sono presentate per la prima volta nella loro interezza dodici storie brevi dal versatile Paolo Ventura.

Possiedono il potere di ammaliare le suggestive fotografie di Paolo Ventura (Milano 1968) che, in modo peculiare e con fine sensibilità, racconta le vicende di insoliti personaggi d’altri tempi: lanciatori di coltelli, maghi, giocolieri, soldati al fronte, cacciatori e speciali bambini. Le sue fotografie, dal linguaggio onirico e poetico, rigorosamente verticali e poste in sequenza, godono di un  forte potere evocativo e narrativo. Sono immagini che richiamano alla memoria quelle dell’inizio del secolo scorso e strizzano l’occhio sia alla storia dell’arte che a quella della fotografia.
Regista, fotografo, disegnatore, costumista e interprete trasformista, Ventura è il protagonista delle messe in scena teatrali insieme alla moglie, il figlio e il fratello gemello. In mostra compaiono anche oggetti e fondali che fanno cogliere l’abilità dell’artista nel dedicarsi a ogni dettaglio della scena.

Martina Adami

Roma // fino al 24 gennaio 2015
Paolo Ventura – Storie brevi
a cura di Paola Cavazza e Donatella Pistocchi
GALLERIA DEL CEMBALO
Largo della Fontanella di Borghese 19
[email protected]
www.galleriadelcembalo.it

 

CONDIVIDI
Martina Adami
Critica e curatrice, vive e lavora a Roma. Ha collaborato con l’Istituto Nazionale per la Grafica alla digitalizzazione e archiviazione della collezione video, nonché alla realizzazione di diverse mostre. Nel 2011 è stata corrispondente da Londra per: Exibart, Exibart International e Inside Art. Attualmente collabora con diverse riviste di settore e scrive per il blog CasaNoi curando la sezione “Arte e architettura” e “Arredamento e fai da te”.