Tra realtà e finzione, storia e microstorie mai viste. In una mostra a Modica

Galleria Laveronica, Modica – fino al 12 luglio 2014. Uriel Orlow, per la prima volta in Italia, in Sicilia presenta alcuni progetti del suo recente passato. A fianco di una serie inedita di collage fotografici.

Unmade Film _ The Voiceover - Surround sound, dimming light, 29' 30'', 2013-14

Uriel Orlow (Zurigo, 1973; vive a Londra) utilizza molteplici mezzi espressivi – installazioni audio, video, fotografie, dipinti e testi – interrelati fra loro a testimonianza di un’indagine volta a far luce su alcune vicende oscure della storia recente, concetto fra l’altro ben sintetizzato dal titolo della mostra, Deep Opacity. È il caso, ad esempio, del video Yellow Limbo, basato sull’episodio delle quattordici navi cargo che per ben otto anni rimasero confinate nel Canale di Suez bloccandone il passaggio. O ancora della traccia sonora Unmade Film in cui, attraverso una voce fuori campo fittizia, Orlow cerca di tracciare le vicende dell’ospedale psichiatrico di Kfar Shaul a Gerusalemme, centro riabilitativo per i sopravvissuti all’Olocausto.
Con i suoi lavori, in sostanza, l’artista propone una visione alternativa alla versione ufficiale della storia mettendo assieme, come pezzi di un collage, materiali d’archivio e immagini dei suoi sopralluoghi, in un montaggio che lascia ampio spazio all’empatia e alla capacità deduttiva dello spettatore.

Giovanni Scucces

Modica // fino al 12 luglio 2014
Uriel OrlowDeep Opacity
a cura di Lorenzo Bruni
LAVERONICA
Via Grimaldi 93
0932 948803
[email protected]
www.gallerialaveronica.it


 

CONDIVIDI
Giovanni Scucces
Giovanni Scucces nasce a Modica (RG) nel 1983. La sua attività e i suoi interessi vertono su arte, giornalismo, curatela e comunicazione. Laureatosi nel 2008 in Scienze della Comunicazione alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Catania, l’anno seguente intraprende l’attività di freelance con alcune testate giornalistiche locali e di settore (Tribeart, Teknemedia, Lobodilattice). Dal 2013 è giornalista pubblicista. Ha collaborato in qualità di assistente con la galleria LAVERONICA arte contemporanea di Modica e successivamente con la galleria CLOU di Ragusa come responsabile dello spazio e della comunicazione. Attualmente frequenta il corso di laurea magistrale in Storia dell’arte e beni culturali presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’ateneo catanese.