La forza e l’istinto del segno di Georges Mathieu

Galleria Mucciaccia, Roma – fino al 20 febbraio 2014. Per la prima volta nella Capitale le opere di Georges Mathieu, artista francese inventore del movimento dell’Astrazione lirica. In mostra in galleria, anche un frigorifero.

Georges Mathieu, Eudes Duc de Basse Lorraine ou Hommage a Charles V, 1962

Le opere presentate alla Galleria Mucciaccia sono per la maggior parte tele di grande formato realizzate con colori a olio, qualche cartone e un frigorifero con gli sportelli dipinti. Interessante il catalogo (a cura di Dominique Stella, che coordina anche la mostra), in cui sono pubblicate fotografie dell’artista mentre dipinge e testimonianze di chi lo vide al lavoro. Fotografie importanti, poiché a colpire è il modus operandi di Georges Mathieu (Boulogne-sur-Mer, 1921 – Boulogne-Billancourt, 2012), caratterizzato da un forte slancio creativo e assieme istintivo, rapidità di realizzazione, movimento, coinvolgimento sia emotivo che fisico. Per l’artista viene prima il segno del significato, e il segno è fatto dal colore, molte volte steso utilizzando direttamente il tubetto.

Barbara Di Tanna

Roma // fino al 20 febbraio 2014
Georges Mathieu 1952-1986
a cura di Dominique Stella
Catalogo Cambi
GALLERIA MUCCIACCIA
Largo Fontanella Borghese 89
06 69923801
[email protected]
www.galleriamucciaccia.it 

CONDIVIDI
Barbara Di Tanna
Sono un architetto, mi occupo di progettazione architettonica e interior design. In passato ho lavorato nell'ambito del restauro architettonico ed archeologico. Ho sempre dipinto, disegnato, creato. Adoro lavorare con le mani e mi interessa l'arte in tutte le sue forme. Quasi per caso mi sono avvicinata al mondo del contemporaneo, territorio che sto esplorando con vivo interesse e curiosità, ricercando punti di incontro tra la mia professione e questa nuova passione.