Giuseppe Gonella, un italiano di Berlino

Galleria Bonelli, Milano – fino al 27 ottobre. La personale di Giuseppe Gonella espone le nuove opere dell’artista, realizzate durante il suo soggiorno berlinese. Ed emerge una crescita pittorica coinvolta nel benefico influsso della scuola di Lipsia.

Giuseppe Gonella, Shelter, 2013

Dipingere è narrare. Di questo Giuseppe Gonella (Motta di Livenza, 1984; vive a Berlino) è convinto, ragion per cui non gli è estranea la lezione della scuola di Lipsia. Non è l’unico tra gli artisti italiani a lavorare su una pittura ipertestuale, caratterizzata da una disarticolazione della realtà descrittiva e narrativa. La partitura pittorica di Gonella si pone come espressione libera e onirica, ma allo stesso tempo conserva, attraverso elementi realistici in cui si riconosce la presenza umana, una scansione in profondità dei punti focali e un potente dinamismo prospettico. Ogni tela è un brano di compresenze figurative e astratte che chiamano in causa lo spettatore a essere coinvolto – come vuole il titolo della mostra, Involved – per ricostruire attraverso un dettaglio naturalistico i nessi logici dissolti. Oggi la pittura di Gonella è più matura e sembra aver riscoperto l’ipertrofia del colore, la bellezza del gesto, l’eterodossia dell’immaginario.

Deianira Amico

Milano // fino al 27 ottobre 2013
Giuseppe Gonella – Involved
a cura di Pietro Marani e Carlo Sala
GIOVANNI BONELLI
Via Porro Lambertenghi 6
02 87246945
[email protected]  
www.galleriagiovannibonelli.it

CONDIVIDI
Deianira Amico
Deianira Amico (Milano, 1987), storico dell'arte, si è laureata all'Università degli Studi di Milano. E' membro del comitato scientifico dell'Associazione Amici di Piero Gauli di cui segue la curatela di diverse iniziative; lavora nel settore della gestione delle gallerie d'arte contemporanea e l'organizzazione di eventi. Scrive per Artribune, Espoarte Magazine, Inside Art.