I nuovi misteri dell’Africa

Basta Africa immaginaria, esotica, oleografica. Al suo posto, un popolo giovane in cui convivono passato e presente, tradizioni e novità. E un’arte che si sta definendo, magari con ingenuità, ma anche con assoluta purezza di sguardo. Allo Studio La Città di Verona, fino al 14 settembre.

Mikhael Subotzky, Traffic light encounter, 2004 - Courtesy Studio la Città, Verona

Scriveva Alberto Moravia: “Io sono affascinato dalla bellezza dell’Africa e per bellezza intendo qualcosa di inspiegabile, di misterioso, di indicibile che aleggia sul Continente Nero”. E non si può dire che oggi questo senso di enigma si sia dileguato, anzi se è possibile, si è approfondito, anche perché l’eredità post coloniale ha lasciato il posto ad un rapporto doloroso con il proprio passato e la ricerca di una identità che fatica ad emergere in una realtà sociale ancora troppo intrisa di contraddizioni. Gli artisti non sono più creatori di feticci inquietanti, di maschere impenetrabili, ma di quesiti irrisolti che riguardano sviluppo, società, arte, Africa, mondo, mercato, pubblico. Così, nell’installazione di Laura Nsegiyumva (Bruxelles, 1987) una famiglia guarda da uno schermo al plasma: guarda la televisione, il mondo, ci guarda. Ed è lo sguardo attonito di chi ha conosciuto la diaspora e vive la dimensione traumatica del distacco e della distanza  dal proprio paese.

Laura Nsengiyumva, 1994, 2001 - Still dal video - Courtesy Studio la Città, Verona
Laura Nsengiyumva, 1994, 2001 – Still dal video – Courtesy Studio la Città, Verona

Le stampe del ghanese Philip Kwame Apagya (Sekondi-Takoradi, 1958) immortalano i personaggi di fronte a fondali dipinti a mano che mostrano mobili e oggetti di consumo: qui tutto appare surreale e insieme iperreale, facendo diventare la foto la proiezione di un sogno. Lawrence Lemaoana (Sudafrica, 1982) realizza opere in tessuto, fatte di pezzi di stoffa quasi sempre rosa, che però raffigurano paradossalmente e criticamente “simboli della mascolinità”. Pieter Hugo (Johannesburg, 1976) nella serie di fotografie dal titolo Permanent Error documenta un’immensa discarica in Ghana, in cui i soggetti si aggirano tra falò e cumuli di rifiuti elettronici, incapaci di situarsi e definirsi veramente. Mikhael Subotzky (Cape Town, 1981) presenta una carrellata di fotografie che occupano senza soluzione di continuità un’intera parete della galleria, mostrando come le condizioni di vita del carcere di Città del Capo si rovescino e si diffondano nella cultura delle gang delle periferie.

Pieter Hugo, Aissah Salifu, Agbogbloshie market, Accra, Ghana, 2010 - Courtesy Studio la Città, Verona
Pieter Hugo, Aissah Salifu, Agbogbloshie market, Accra, Ghana, 2010 – Courtesy Studio la Città, Verona

Cinque “punti di vista” di un continente ancora tutto da scoprire, perché la sua realtà è quella del cambiamento, della reinvenzione di se stesso e dei propri modi di vivere. Cinque panorami fatti ancora di tante aspettative e immancabili disillusioni.

Luigi Meneghelli

Verona // fino al 14 settembre 2013
Some Views of Africa
a cura di Gabi Scardi
STUDIO LA CITTÀ
Lungadige Galtarossa 21
045 597549
[email protected]
www.studiolacitta.it

CONDIVIDI
Luigi Meneghelli
Laureato in lettere contemporanee, come critico d'arte ha collaborato e/o collabora a quotidiani (Paese Sera, L'Arena, L'Alto Adige, ecc.) e a riviste di settore (Flash Art, Le Arti News, Work Art in progress, Exibart, ecc.). Ha diretto e/o dirige testate culturali come Veronalive. Come curatore ha collaborato con spazi pubblici, tra cui Mart, Palazzo Forti, Museion e in occasione di mostre personali ha pubblicato saggi su Kantor, Novelli, Turcato, Vedova, Chiari, Fioroni, Boetti, Mambor, Masuyama, Hernandez, ecc. Ha curato mostre tematiche e di gruppo in Italia e all'estero, come La Pop Art Italiana, La Nuova Scuola Romana, L'Arte Povera, La Body Art. Si è interessato di Pubblic Art con esposizioni e dibattiti. E' stato selezionatore per il Triveneto delle nuove emergenze per riviste ed esposizioni. E' stato commissario italiano per la rassegna internazionale “Frontiera 92” (BZ) e commissario alla Biennale di Venezia (’93)… Insegna presso l'Accademia di Belle Arti di Verona.