The whole part

Anatomizzare gli spazi affollati, mettendo a fuoco l’irriducibile gestualità del singolo. Un’operazione chirurgica messa in scena da Emma Ciceri alla Riccardo Crespi di Milano. Fino al 23 febbraio.

Emma Ciceri, Anatomia - Folle, 2013, video colour and sound, loop, Courtesy Gallleria Riccardo Crespi and the artist

Sartre lo definiva “gruppo in fusione”: era l’insieme di individui il cui senso di appartenenza a una realtà più grande di loro stessi era capace di fondere il gelo dell’estraneità reciproca, creare nuove realtà e nuovi legami per ricadere infine nell’alienazione. E se non è più di gruppo che si parla nelle opere di Emma Ciceri (Bergamo, 1983), bensì di folle, è ancora questo agglomerato di individui, le sue dinamiche interne, la sua dialettica, ad essere sotto i riflettori. Cinque video e due serie di opere su carta cercano così di catturare l’energia che scaturisce dai movimenti della collettività: manifestazioni studentesche, ma anche concerti rock e trasferte in treno. E ancora: uno stadio da cui il pubblico sta per allontanarsi e una festa all’interno di un carcere. Al tempo stesso però, mentre fotografa la totalità, Ciceri anche la anatomizza, lasciando vedere il singolo coll’estrarlo da quel contesto sociale di cui è inevitabilmente parte.

Alessia Delisi

Milano // fino al 23 febbraio 2013
Emma Ciceri – Anatomia. Folle
RICCARDO CRESPI
Via Mellerio 1
02 89072491
[email protected]
www.riccardocrespi.com

CONDIVIDI
Alessia Delisi
Palermitana d'origine e milanese d'adozione, intraprende la carriera di giornalista freelance subito dopo la laurea in Filosofia Estetica che consegue con il massimo dei voti e una tesi su Rayuela di Julio Cortázar. Scrive di arte, design, cultura e culinaria ed è coautrice di una pellicola indipendente argentina. Il suo rapporto con la scrittura è di natura estremamente passionale.