Un Satellite sempre più in orbita

Ancora il Salone del Mobile? Eh sì, perché del Satellite abbiam parlato poco, subissati dal Fuori Salone. Ma anche perché, in fondo, la zona più frizzante del Salone non era così frizzante. Parola di Stefano Caggiano.

“Balaio”, di Sérgio J. Matos, si ispira al cesto della frutta dei mercati in Brasile

Il Salone Satellite, lo spazio del Salone del Mobile dedicato ai designer emergenti, si presenta alla sua 14esima edizione come una specie di riproduzione giocattolo del design “vero”, quello della fiera. Intendiamoci, qualche bella idea qui c’è sempre. Ma il padiglione delle giovani promesse, nato come alimentatore di prospettive non contemplate dalle aziende, si è trasformato col tempo in uno stile a sé, fatto di oggetti leggeri (legni chiari, plastiche bianche o tenui, stoffe al posto di materiali strutturali, qualche metallo) e forme “spiritose” (smart, nel migliore dei casi) derivate non dalla cultura del progetto ma dall’esperienza quotidiana di Facebook, delle chat e della comunicazione always online, connessa e frammentaria. Molecole di un buzz design globale e generazionale, che del progetto non ha mai vissuto il senso della necessità, ma solo la possibilità espressiva. Piccolo tsunami innocuo di spunti così allergici alla noia da risultare, alla fine, un po’ noiosi.

Stefano Caggiano


CONDIVIDI
Stefano Caggiano
Stefano Caggiano (1975), semiologo del design, vive per la maggior del tempo a Milano. Lavora come giornalista, docente universitario, curatore e consulente specializzato in nuove forme espressive del design. Collabora con le aziende in qualit‡ di esperto in strategie estetiche e posizionamento semantico per il design degli oggetti, degli elementi e dei complementi d'arredo, contribuendo a definire strategie aziendali improntate al design management.
  • Uni

    Chi è stefano gaggiano?

  • condivido la riflessione. anche io ho avuto la stessa sensazione di fronte al salone satellite