Cor Sine Labe Doli. Ovvero il papillon in ceramica

Per povero che sia, non è Natale se non ci si concede almeno un piccolo lusso superfluo. E allora ecco il cult delle feste 2012: il papillon di ceramica del brand pugliese Cor Sine Labe Doli.

Cor Sine Labe Doli - papillon primo blue elettrico lucido

Come abbiamo fatto a vivere senza fino ad ora senza un papillon in ceramica? I tre giovani fondatori della maison Cor Sine Labe Doli, Antonio Patruno Randolfi, Luigi Arbore e Massimo Mazzilli, tutti originari di Corato, hanno fatto derivare il loro nome dal motto della loro città (che significa “Cuore Senza Macchia Di Tradimento”) e dal 2009 propongono un range di accessori concepiti sul binomio artigianato/innovazione.
I loro cravattini chic e glamorous esistono in una vasta declinazione di colori e forme e possono anche avere il solo dettaglio del nodo in ceramica. Possono essere ampi, lucidi e monocromi o stretti, mat e fantasia. Eleganti e spiritosi, si adattano alle più disparate occasioni e donano alla più squallida delle camicie un’irresistibile allure intrigante.

Cor Sine Labe Doli – pochette in ceramica

Ci hanno messo un paio d’anni per affermarsi tra i comuni mortali, ma già a Pitti Uomo 2010 avevano destato l’attenzione dei trendsetter fashionisti. Oggi disponibili solo in boutique selezionate oppure sui siti online per i veri estimatori della moda. I prezzi variano da 99 a 200 euro.

Federica Polidoro

www.corsinelabedoli.com

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.