Una nuova legge per l’architettura in Italia. Lettera aperta al ministro Franceschini

Da Labics a 5+1aa, da ABDR a stARTT, tanti i firmatari dell’appello per una legge sul diritto e la tutela dell’architettura come espressione dell’identità culturale nazionale

Dario Franceschini
Dario Franceschini

Chiediamo sia varata anche in Italia, con un ritardo di oltre quarant’anni rispetto a gran parte dell’Europa, una legge per il diritto e la tutela dell’architettura come espressione dell’identità culturale nazionale”. Si conclude così la lettera aperta inviata da un gruppo di intellettuali – prevalentemente architetti – al Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, per sollecitare un provvedimento normativo quadro che metta mano all’intero settore, attualmente lasciato al limbo di regole disordinate e spesso contraddittorie. A promuovere l’iniziativa un gruppo di professionisti fra i quali Luca Montuori – oggi a capo dello staff dell’assessore alla cultura romano Luca Bergamo -, Gabriella Raggi e Maria Claudia Clemente (di Labics), che nel luglio scorso hanno incontrato il ministro assieme al direttore generale Federica Galloni, incaricata di lavorare al provvedimento con scadenza fissata allo scorso novembre. Qui però si sono fermati gli atti ufficiali: pare che la Galloni abbia chiesto consulenza al Consiglio Nazionale degli Architetti, che ci starebbe lavorando: ma intanto l’elenco delle firme sotto la lettera aperta – che trovate in allegato – si è allungato, con l’adesione di prestigiosi studi, da 5+1aa ad ABDR, a stARTT. Al ministro Franceschini noi stessi di Artribune abbiamo a più riprese riconosciuto attivismo e concretezza, con interventi strutturali in materie come cinema, musei, soprintendenze, fiscalità legata ai beni culturali: ma finora mai si è occupato di architettura. C’è da sperare che riprenda presto in mano questa pratica per la nuova e necessaria legge…

La lettera aperta degli architetti

Per sottoscrivere la lettera

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.