Virtual Sex

Si giunge al quarto appuntamento con l’“Opera Sexy” di Ferruccio Giromini. Questa volta la destinazione è il Giappone. Ma per incontrare non un artista, bensì un personaggio virtuale. Ecco a voi Hatsune Miku.

Hatsune Miku - malizioso Halloween

In Europa si fa qualche fatica a memorizzare i nomi giapponesi, però qualcuno magari più legato a fenomeni di costume rimane impresso. È il caso di Hatsune Miku, nome che peraltro non pertiene a una persona fisica ma a una personalità virtuale. Un caso invero interessante, originato da Vocaloid, giocoso software di vocalizzazione sintetica su basi musicali; in altre parole, un sintetizzatore di canto organico, il cui nome si traduce letteralmente in ‘il primo suono del futuro’. Per lanciarlo sul mercato, la produzione Yamaha ne ha corredato la confezione con una figuretta femminile in tipico stile anime: corpicino adolescente slanciato, seni acerbi, occhioni enormi d’ordinanza, stivaloni di pelle nera a metà coscia, e infine caratterizzante chioma turchese divisa in due lunghissime code di cavallo laterali.

Hatsune Miku 1:1

Il successo d’immagine della piccola showgirl è stato immediato. Il wwweb se ne è impadronito in un battibaleno e diverse categorie di creativi autoprodotti si sono tuffate a pesce per farne un unico ricettacolo no-copyright di musiche, disegni e video. Innumerevoli cantautori la rendono protagonista delle loro composizioni; parolieri le fanno reinterpretare standard musicali preesistenti; illustratori la raffigurano in svariate versioni visive; animatori 2D e 3D le regalano movimenti vieppiù elaborati: danzante con piglio sicuro, brandente microfoni fallici, sculettante in microgonne di delicata pacchianeria, schitarrante da provetta “guitar hero”; addirittura, come ormai usa, agli incontri di cosplaying procaci giovinette la impersonano nelle sue ridotte vesti e nei suoi tipici atteggiamenti.
Insomma, anzitutto un inedito caso di detonatore di creatività individuale, ma anche obtorta “opera d’arte” collettiva. Da character progettato, in origine, a soggetto virtuale di entertainment reale; da programma fattosi quasi carne ad avatar condiviso; da pura idea di marketing a scintillante ologramma lifesize che si permette affollati concerti dal vivo (in Giappone e Usa e presto pure in Europa); da creazione ludica a pulsante oggetto di desiderio.

Sì, la popstar lolita dai molti padri incestuosi (e le madri? Incestuose anch’esse?) rappresenta un fenomeno pure antropologico. Alimentando un immaginario tecno-psichedelico dolciastro, oscillante tra le carinerie stereotipate dell’adolescenza kawaii e le spudorate tentazioni dell’universo hentai (non senza qualche alter ego grottesco, versione immancabile nella tradizione nipponica), Hatsune Miku alimenta pure, e alla grande, la corrente smaterializzazione/de-umanizzazione dell’eros.

Ferruccio Giromini

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #5


CONDIVIDI
Ferruccio Giromini
Ferruccio Giromini (Genova 1954) è giornalista dal 1978. Critico e storico dell'immagine, ha anche esercitato attività di fotografo, illustratore, sceneggiatore, regista televisivo. Ha esposto sue opere in varie mostre e nel 1980 per la Biennale di Venezia. Come consulente editoriale, dirige collane di libri, cd-rom, video, periodici per diversi editori. Tiene corsi e laboratori per istituzioni scolastiche pubbliche e private, tra cui l'Istituto Europeo di Design di Milano. Finora ha curato e presentato quattrocento esposizioni e manifestazioni su illustrazione, fumetto, fotografia, cinema d’animazione, arti visive contemporanee, in Italia e nel mondo, e ha fatto parte di oltre cento giurie, in diversi casi in qualità di Presidente. A partire dal 1982, è stato consulente artistico di varie manifestazioni e festival nazionali. Per alcuni anni ha condiviso la direzione della mostra internazionale di cinema d'animazione Cartoombria di Perugia. Dal 2007 è direttore artistico del Premio “Sergio Fedriani" di Genova e nella stagione 2008/09 ha diretto il Festival Fantastiche Terre di Portofino in Liguria. Dal 2008 è condirettore del Premio Skiaffino di Camogli.