Skinny Love

Terza puntanta dell’Opera Sexy di Ferruccio Giromini. E dalla Francia si torna in Italia. Con un graphic designer molto particolare…

Corrado Dalcò - Rouge Ultime

Corrado Dalcò (Parma 1965) ha una formazione legata al graphic design. E se l’è portata appresso anche quando si è mosso (prima a Milano, poi a Berlino e Barcellona, adesso a Londra) definitivamente verso la fotografia. Oggi sua attività principale è la foto di moda, però non si astiene dalla pubblicità e si concede qualche divertita incursione nel ritratto. Tuttavia ciò che qui più interessa sono le sue libere ricerche personali, in specie nella sfera dell’erotismo. Be’, con tutte quelle modelle svolazzanti intorno, è facile capire come vengano certe idee.
Ma interessante è l’estetica particolare. Appassionato di polaroid, Dalcò ama quelle atmosfere sfocatine, lattiginosine, decoloratine, della foto “di servizio” a sviluppo immediato, nata per essere provvisoria, di studio, di appunto estemporaneo. Così le sue immagini preferite sembrano uscire da taccuini sbiaditi, quasi promemoria veloci, attimi rubati alla cronaca del quotidiano, ansiosi di non scordare la suggestione del momento. Ma è esattamente ciò che tali visioni sfuggenti testimoniano, nella propria fraudolenta nonchalance, a intrigare lo spettatore: spudorati corpi longilinei di fanciulle colte nelle pieghe banali della giornata, tra il pigro e il frenetico, mentre si spogliano o si rivestono sul set, mentre si riposano su un divano o su un materasso, mentre scherzano o s’inviperiscono con qualche astante.

Corrado Dalcò

I movimenti appaiono spesso scomposti, non prestabiliti; le espressioni spontanee, non professionali; gli abbigliamenti, quando ci sono, preferibilmente ridotti all’osso, magari solo slippini trasparenti e inquieti. Ecco, senza volere, l’inconscio ha spinto a galla già due importanti indizi: una certa inquietudine di fondo e l’importanza dell’osso. Dalcò (che si presenta ampiamente su corradodalco.co.uk, ma anche aggiorna senza tregua il suo diario tramite twitter tumblr flickr facebook myspace) raccoglie tale suo infinito work in progress sotto il titolo dilatato di Skinny Love – un “amore ossuto” che, senza sfociare nel culto dell’anoressico, eppure si confessa adepto della complessione femminile efebica, lungocrinita, ormai almeno un po’ tatuata, e di gamba slanciata, fianco stretto, petto acerbo, pelle fredda.
È su tali linee del desiderio – uno dei trend attuali – che si modellano le forme di queste mannequin allenate ad amare sé stesse (anche fisicamente) e i loro comportamenti, glaciali piccole perversioni. Il bello è che tutto ciò contrasta lampante con la complessione fisica del loro fotografo, viceversa più curvy, e furry come un tenero teddy bear – proprio di quelli che si abbracciano e portano a letto, al calduccio.

Ferruccio Giromini

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #3

CONDIVIDI
Ferruccio Giromini
Ferruccio Giromini (Genova 1954) è giornalista dal 1978. Critico e storico dell'immagine, ha anche esercitato attività di fotografo, illustratore, sceneggiatore, regista televisivo. Ha esposto sue opere in varie mostre e nel 1980 per la Biennale di Venezia. Come consulente editoriale, ha diretto collane di libri, cd-rom, video, periodici per diversi editori. Dal 1979 tiene corsi e laboratori per istituzioni scolastiche pubbliche e private, tra cui dal 1988 per l'Istituto Europeo di Design di Milano. È docente collaboratore della rete italiana dell’Università del Fumetto. Finora ha curato e presentato cinquecento esposizioni e manifestazioni su illustrazione, fumetto, fotografia, cinema d’animazione, arti visive contemporanee, in Italia e nel mondo, e ha fatto parte di centoquaranta giurie, in molti casi in qualità di Presidente. A partire dal 1982 è stato consulente artistico di varie manifestazioni: il Premio Andersen-Baia delle Favole di Sestri Levante, il Festival Internazionale Comics "Babel" di Atene, il Festival Nuvole parlanti. Fumetto in palcoscenico di Genova, il Mondo Mare Festival in Liguria, il Festival Suq di Genova. Per alcuni anni ha condiviso la direzione della mostra internazionale di cinema d'animazione Cartoombria di Perugia. Dal 2007 è direttore artistico del Premio "Sergio Fedriani" di Genova e nella stagione 2008/09 ha ideato e diretto il Festival Fantastiche Terre di Portofino in Liguria. Dal 2008 è condirettore del Premio Skiaffino di Camogli.