Il critico bolognese commenta principi ed esiti della riforma museale messa in atto dal ministro Franceschini. Sollevando una serie di dubbi sui suoi effetti.

Sono stato contrario fin dall’inizio alla riforma concepita dal ministro Dario Franceschini, volta a porre, alla testa di una ventina di musei, direttori assunti attraverso bando internazionale in sostituzione delle figure di soprintendenti e direttori che, stanti le regole vigenti, ne dovrebbero assicurare il funzionamento. È stata una riforma ispirata a un principio “consumista”, che cioè i nostri musei non incassino abbastanza, e non nata da una diversa accusa, che sarebbe legittima, circa loro eventuali errori di conduzione. Da qui la difficile scelta di figure professionali extra, ricorrendo anche all’estero.
Ma se si considerano le “regole d’ingaggio” della schiera di figure istituzionali della nostra rete museale, queste non escludono certo il capitolo degli introiti attraverso la biglietteria. Se in qualche caso un simile fondamentale aspetto non ha funzionato, come in ogni azienda, si devono rimuovere le persone che non siano risultate all’altezza. Si dirà che il sistema statale, anchilosato, non prevede licenziamenti per scarso rendimento, ma esiste la via del “promoveatur ut amoveatur”. Non è credibile, insomma, che il ministero non riuscisse a pescare, entro i legittimi organici, le persone giuste da innalzare per rispondere a queste eventuali deficienze.

Non è credibile che il ministero non riuscisse a pescare, entro i legittimi organici, le persone giuste da innalzare per rispondere a eventuali deficienze”.

Ma poi, non ci riempiamo un po’ troppo la bocca nel magnificare una nostra incredibile eccellenza nei beni culturali? Questa esiste, senza dubbio, ma purtroppo è un bene disperso in mille centri, nessuno dei quali raggiunge un’aggregazione delle dimensioni di un Louvre, di una National Gallery, di un Prado, di un Metropolitan. Da noi c’è solo una realtà “straniera”, data dai Musei Vaticani, capace di fare massa in grado sufficiente. Subito dopo potrebbero venire gli Uffizi, ma qui scatta un secondo guaio, l’insufficienza delle nostre pur prestigiose sedi storiche.
Se vado nei grandi musei stranieri di cui sopra, la coda per accedervi è minima, mentre quando mi trovo nei pressi degli Uffizi, contemplo ammirato il lungo verme di visitatori assiepati in una fila che non avrei il coraggio di affrontare. Infatti, da bravo italiano, non manco mai di cercare di entrare di favore. Un direttore anche di grande capacità, cosa mai può fare di fronte a strettoie di questo genere, cui potrebbero rimediare solo massicci interventi dello Stato? Si aggiunga che, se gli Uffizi sono una rapa bella grossa da cui si può cavare sangue, altre delle realtà promosse velleitariamente dal Ministro, di sangue da spremere, ovvero di richiamo turistico, non ne hanno in alto grado. Forse Brera, forse le Gallerie dell’Accademia a Venezia, ma in altri casi ritengo che gli standard di accesso non siano superabili.
C’è il caso clamoroso di Caserta, dove giustamente è stato riempito di lodi il direttore pescato fuori dai ranghi, ma un qualsiasi suo predecessore nominato con tutti i crismi non avrebbe dovuto fare altrettanto, nel cacciar via i residenti abusivi e nell’obbligare i dipendenti al rispetto degli orari?

Renato Barilli

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #38

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua 
inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Renato Barilli
Renato Barilli, nato nel 1935, professore emerito presso l’Università di Bologna, ha svolto una lunga carriera insegnando Fenomenologia degli stili al corso DAMS. I suoi interessi, muovendo dall’estetica, sono andati sia alla critica letteraria che alla critica d’arte. È autore di numerosi libri tra cui: "Scienza della cultura e fenomenologia degli stili" (1982, nuova ed. 2007), "L’arte contemporanea" (1984, nuova ed. 2005), "La neoavanguardia italiana" (1995, nuova ed. 2007), "L’alba del contemporaneo" (1995), "Dal Boccaccio al Verga. La narrativa italiana in età moderna" (2003), "Maniera moderna e Manierismo" (2004), "Prima e dopo il 2000. La ricerca artistica 1970-2005" (2006), "La narrativa europea in età moderna. Da Defoe a Tolstoj" (2010), "Autoritratto a stampa" (2010), "La narrativa europea in età contemporanea. Cechov, Joyce, Proust, Woolf, Musil" (2014). Presso Bollati Boringhieri ha pubblicato "Storia dell’arte contemporanea in Italia. Da Canova alle ultime tendenze" (2007) e "Arte e cultura matariale in Occidente" (2011). È stato organizzatore di molte mostre sull’arte italiana dell’Ottocento e del Novecento.