Una mostra sulla nascita della pubblicità in Italia. A settembre alla Fondazione Magnani Rocca

Inaugurerà il prossimo 9 settembre alla Fondazione Magnani-Rocca a Mamiano di Traversetolo in provincia di Parma “PUBBLICITÀ! La nascita della comunicazione moderna 1890-1957”, esposizione che ripercorre l’avvento della pubblicità in Italia, indagandone l’impatto sul marketing e sull’immaginario collettivo. In mostra 200 opere tra manifesti e locandine che coniugano l’arte della grafica a celebri marchi italiani quali Barilla, Campari, Cinzano, Motta e Pirelli.

Plinio Codognato, Spumanti Cinzano, 1930. Galleria L'IMAGE, Alassio (SV)
Plinio Codognato, Spumanti Cinzano, 1930. Galleria L'IMAGE, Alassio (SV)

Slogan veloci e graffianti che vanno dritto all’orecchio trasformandosi in tormentoni, grafiche fantasiose e accattivanti che seducono l’immaginario collettivo. Non parliamo degli spot pubblicitari trasmessi in tv, ma dei loro antenati, manifesti, locandine, targhe e packaging che hanno avviato il rivoluzionario processo di comunicazione di massa finalizzato al marketing. Alla storia della pubblicità in Italia è dedicata una mostra che inaugurerà il prossimo 9 settembre alla Fondazione Magnani-Rocca a Mamiano di Traversetolo, in provincia di Parma: PUBBLICITÀ! La nascita della comunicazione moderna 1890-1957 è il titolo dell’esposizione curata da Dario Cimorelli e Stefano Roffi, un viaggio a cavallo tra Ottocento e Novecento condotto attraverso 200 opere, alla scoperta del rapporto che lega arte e pubblicità. I primi illustratori di manifesti e locandine furono infatti artisti, e i loro bozzetti erano realizzati mettendo in primo piano la bellezza dell’illustrazione, indipendentemente dal contenuto promosso. Nel corso dei decenni si giungerà a una maggiore interdipendenza tra elemento grafico e messaggio promozionale, con la creazione di manifesti che sono diventati pietre miliari non solo nella pubblicità, ma anche nel costume, attraversando le storie aziendali di celebri marchi italiani quali Barilla, Campari, Cinzano, Motta, Pirelli.

– Desirée Maida

PUBBLICITÀ! La nascita della comunicazione moderna 1890-1957
A cura di Dario Cimorelli e Stefano Roffi
Dal 9 settembre 2017 al 10 Dicembre 2017
Mamiano di Traversetolo (PR), Fondazione Magnani-Rocca
www.magnanirocca.it

CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Vive a Palermo, dove collabora con gallerie d’arte, scrive per testate d’arte contemporanea e lavora come storico dell’arte e curatore.