Dimensioni soffocanti. Charlemagne Palestine a Bruxelles

Bozar, Bruxelles ‒ fino al 26 agosto 2018. La retrospettiva “AA SSCHMMETTRROOSSPPECCTIVVE” indaga il lavoro di Charlemagne Palestine, nato negli Stati Uniti ma da vent’anni residente in Belgio.

Pupazzi sui pianoforti, sulle scale, sul terreno, sulle porte, sui cornicioni, sulle lampade e sul soffitto. Solo pupazzi comprati o simili a grandi installazioni realizzate ad hoc. Una soffocante vivacità, un terrificante ritorno all’infanzia. Una musica demoniaca che spezza il ritmo incessante e totalizzante degli oggetti della sala, una luce che confonde e che illumina le paure. La retrospettiva di Charlemagne Palestine (Brooklyn, 1945) al Bozar non è un felice ritorno alle origini, ai momenti indelebili che segnano la nostra gioventù, ma un tuffo estraniante in un oceano che tutto risucchia e tutto cancella. Una paura costante che mette in allarme, alla ricerca di qualche appiglio alla realtà. Ed ecco che le luci trasformano l’ambiente in una discoteca, vuota, senza persone, capace di gelare il sangue dello spettatore che corre alla ricerca della sua salvezza e redenzione.

Valentina Poli

Bruxelles // fino al 26 agosto 2018
Charlemagne PalestineAA SSCHMMETTRROOSSPPECCTIVVE
BOZAR
Rue Ravenstein 23
www.bozar.be

Dati correlati
Autore Charlemagne Palestine
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.