David Bowie. Ancora lui, a Londra

Con il primo singolo rilasciato il gennaio scorso dopo un decennio di silenzio, ha scatenato la frenesia dei fan di tutto il mondo. Ora, con l’avvicinarsi dell’apertura (il 23 marzo) della retrospettiva dedicata dal Victoria & Albert Museum di Londra alla sua straordinaria carriera, si può tranquillamente parlare di vera e propria mania. Vi raccontiamo tutto in anteprima.

David Bowie, The Archer Station to Station tour, 1976 - photo John Rowlands

Se gli Anni Sessanta sono stati dei Beatles (e dei Rolling Stones), David Bowie ha fatto sue le decadi successive, e ci vuole ben altro che un mero silenzio di dieci anni per farlo uscire di scena. E gli oltre 30mila biglietti già staccati (la cifra più alta nella storia del museo londinese per quanto riguarda le prevendite) lo dimostrano. La mostra David Bowie is si preannuncia come quella di maggior successo nella storia del Victoria and Albert.
E davvero si tratta di un evento senza precedenti, poiché al V&A sono state aperte le porte dell’archivio personale di Bowie a New York. Una vera e propria manna per i curatori Victoria Broackes e Geoffrey Marsh, che hanno potuto accedere a migliaia di costumi di scena, fotografie, disegni, strumenti musicali, dischi, video, film. Una quantità immensa di materiale, dal quale hanno selezionato i 300 oggetti che compongono la mostra e da cui non potevano mancare pezzi iconici come il costume da Ziggy Stardust (1972) disegnato da Freddie Burretti e le fotografie di Brian Duffy, oltre naturalmente a copertine di album, video tratti da film e performance dal vivo, tra cui The Man Who Fell to Earth, video musicali come Boys Keep Swinging e scenografie create per il Diamond Dogs Tour del 1974.

David Bowie, Striped bodysuit for Aladdin Sane tour, 1973 - design Kansai Yamamoto - photo Masayoshi Sukita © Sukita / The David Bowie Archive 2012
David Bowie, Striped bodysuit for Aladdin Sane tour, 1973 – design Kansai Yamamoto – photo Masayoshi Sukita © Sukita / The David Bowie Archive 2012

La mostra del V&A esplora le collaborazioni di Bowie con artisti e designer per quanto riguarda moda, grafica, teatro, arte e cinema, ed è accompagnata da una serie di conferenze, workshop, spettacoli e aperture straordinarie. E non mancheranno chicche inedite provenienti dalla collezione privata del cantante, come i bozzetti originali per musica e video di Ashes to Ashes. Ma, pur mettendo a disposizione il suo archivio, il Duca Bianco non ha collaborato con il museo londinese, lasciando al V&A l’onore (e l’onere) di presentare la sua vita e le sue opera in modo autonomo. “Mi dispiace non averlo mai incontrato“, si duole la curatrice. Difficile non simpatizzare con lei.
Tuttavia Bowie non sarà del tutto assente, avendo scelto di rilasciare il suo nuovo album in concomitanza con lo show del V&A. Un contributo non indifferente a una mostra già destinata a entrare nella storia del costume.

Paola Cacciari

Londra // fino all’11 agosto 2013
David Bowie is
VICTORIA & ALBERT MUSEUM
Cromwell Road
+44 (0)20 7942 2000
[email protected]
www.vam.ac.uk/davidbowieis

CONDIVIDI
Paola Cacciari
Laureata in Lettere Moderne all’Università di Bologna con una tesi sul costume femminile bizantino nei mosaici di San Marco a Venezia, e con un Master in Renaissance Studies alla University of London, Paola Cacciari è storica dell’arte e ricercatrice, specializzata in Storia dell’Arte Moderna. Ha studiato per il Diploma in Translation all’University of Westminster ed è traduttrice freelance associata all’Institute of Translation & Interpreting (ITI). Ha collaborato con diverse riviste indipendenti, scritto per Exibart e Grandimostre e dal 2011 collabora con Artribune. In qualità di ricercatrice, traduttrice e consulente linguistica ha collaborato alle ricerche bibliografiche e testuali per articoli riguardanti gli oggetti delle collezioni del Victoria and Albert Museum di Londra pubblicate sulla rivista accademica Renaissance Studies e per mostre e cataloghi tenutesi allo stesso museo. Vive a Londra.