Dialoghi tra Belgio e Italia : con Scarabello, Fineschi, Op de Beeck

Le immagini della mostra Rendez-vous che mette in scena – attraverso le opere di Alessandro Scarabello, Serena Fineschi e Hans Op de Beeck – incroci ad arte tra Nord Europa e Mediterraneo.

rendez vous, installation view: photo credit Elena Foresto
rendez vous, installation view: photo credit Elena Foresto

Tre gallerie, tre artisti, due italiani e un belga. Sedi di questo incontro l’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles e il Musées royaux des Beaux-Arts de Belgique, in un progetto a cura di Laura Viale e Maria Elena Minuto, intitolato ‘a due. Arte Contemporanea in Italia e Belgio, 1990- 2015’. 25 anni significativi che passano, in questo caso, in rassegna attraverso le opere di Serena Fineschi (Siena, 1973), Alessandro Scarabello (Roma, 1979), e Hans Op de Beeck (Turnhout, 1969). La mostra Rendez-vous – sotto-progetto dell’intero programma – è parte di un ciclo espositivo che andrà avanti per tutta la durata del 2018, attraverso mostre, performance e talk e mettendo insieme esperienze, generazioni, culture. In una logica di “ospitalità”, sono gli italiani a invitare i colleghi belga a partecipare al duetto, che può essere armonico, o lavorare sul contrasto. Il progetto, cominciato nel 2015, ha visto ad esempio Davide Bertocchi confrontarsi con Joris Van de Moortel, oppure Enrico Gaido con Freek Wambacq, giusto per fare qualche esempio. Ora tocca a Scarabello, Fineschi e Op de Beeck a partecipare a questo “dibattito” a tre, fatto di oggetti, sculture, immagini, video: al centro il tema del tempo e della condizione umana raccontati attraverso l’analisi dei maestri, dei dettagli minuziosi, del realismo, della descrizione quasi ossessiva che ha reso celebre l’arte fiamminga nel mondo, quella relazione, quel gioco di specchi, quelle malinconie che si realizzano in maniera sorprendente e rivelatrice nell’arte del Nord Europa, come nelle soluzioni più mediterranee. Ecco le immagini della mostra, realizzata con il supporto di Renata Fabbri Arte Contemporanea, Milano, The Gallery Apart, Roma, Galleria Continua, San Gimignano, Beijing, Les Moulins, Habana.

Santa Nastro

a due. Arte Contemporanea in Italia e Belgio, 1990- 2015
Rendez-vous: Fineschi, Scarabello, Op de Beeck

Fino al 4 marzo 2018
Oldmasters Museum – RMFAB, Rue de la Régence, 3

Fino al 9 marzo 2018
Italian Cultural Institute, Rue de Livourne, 38

Bruxelles, Belgio
www.iicbruxelles.esteri.it/iic_bruxelles/fr/gli_eventi/a_due/

Dati correlati
AutoriAlessandro Scarabello, Hans Op de Beeck
CuratoreSerena Fineschi
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.