Rivera, Orozco, Siqueiros. A Bologna la mostra mai realizzata a causa del Golpe cileno

70 pezzi, tra dipinti, disegni e incisioni di una selezione rappresentativa del muralismo messicano, arrivano a Palazzo Fava. Sono le opere “fuggite” da una mostra cancellata nel 1973 a causa del Golpe in Cile.

Diego Rivera, Pico e Inesita, 1928, Óleo sobre tela, Colección particular en comodato, Museo Nacional de Arte
Diego Rivera, Pico e Inesita, 1928, Óleo sobre tela, Colección particular en comodato, Museo Nacional de Arte

Diego Rivera, José Clemente Orozco e David Alfaro Siqueiros credevano in un’arte collettiva e monumentale, fatta per il popolo. I temi principali dei “dipinti su muro” riguardavano le civiltà precolombiane, la conquista coloniale spagnola e il culmine dell’era moderna, raggiunta con la Rivoluzione messicana del 1910. Per tutti questi motivi, una mostra con le loro opere doveva essere inaugurata il 13 settembre del 1973 a Santiago del Cile. Obiettivo? Dare testimonianza di solidarietà e amicizia da parte di una nazione vicina come il Messico, arrivata alla democrazia dopo una rivoluzione sanguinosa, sostenuta da una nuova forma di espressione popolare fondata sull’idea post romantica della libertà. Appunto, il muralismo.

UNA MOSTRA MAI REALIZZATA

Ma l’esposizione non vide mai la luce a causa del Colpo di Stato guidato dal generale Augusto Pinochet che salì al potere in Cile, rimanendoci per diciassette anni. Il resto è noto, anzi costituisce una delle pagine più nere della storia contemporanea. Quarant’anni dopo la mostra torna alla luce: il titolo, La exposición pendiente (La mostra sospesa), è molto eloquente. Dopo essere stata inaugurata nel 2015 in Cile, grazie al lavoro del Museo d’Arte Carrillo Gil di Città del Messico (proprietario della maggior parte delle opere), la mostra arriva per la prima volta in Europa e in Italia nella sede di Palazzo Fava a Bologna, in una co-produzione tra il museo messicano, Fondazione Carisbo, Genus Bononiae-Musei nella Città e la società italiana Glocal Project Consulting.

LE OPERE IN MOSTRA

“È una mostra che ha un fascino assolutamente unico perché alla sua indubbia bellezza si aggiunge il valore storico legato ad un periodo estremamente critico per tutta l’America Latina”, spiega Fabio Roversi Monaco, Presidente di Genus Bononiae-Musei nella Città. “Siamo fieri di poter ospitare questa collezione per la prima volta in Europa grazie alla stretta collaborazione con il Museo Carrillo Gil”. L’accordo siglato con la sua direttrice, Vania Rojas Solis e il curatore Carlos Palacios, permette, così, di portare a Bologna quest’autunno settanta pezzi tra dipinti, disegni e incisioni che costituiscono una selezione rappresentativa del movimento artistico emerso dal processo rivoluzionario messicano che ha definito uno degli orizzonti più prestigiosi dell’arte latino-americana del XX secolo.

– Claudia Giraud

Evento correlato
Nome eventoMéxico. La Mostra Sospesa. Orozco Rivera Y Siqueiros
Vernissage19/10/2017 ore 18 su invito
Duratadal 19/10/2017 al 18/02/2018
AutoriDiego Rivera, Gabriel Orozco, David Alfaro Siqueiros
Generearte moderna
Spazio espositivoPALAZZO FAVA
IndirizzoVia Alessandro Manzoni 2 - Bologna - Emilia-Romagna
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).