La galleria di Roma Montoro12 apre a Bruxelles: 200 mq a due passi dal Museo Magritte

“Necessitiamo di nuovo slancio e conosciamo bene la scena e il collezionismo belga” spiegano ad Artribune Massimo e Ursula Hawlitschka, titolari della galleria Montoro12, aperta a Roma nel 2013 con una mostra di Dennis Oppenheim. Lo spazio aprirà ufficialmente a novembre 2017.

Il nuovo spazio di Montoro12
Il nuovo spazio di Montoro12

“Abbiamo deciso di aprire a Bruxelles perché sentivamo l’esigenza di aumentare la visibilità degli artisti della galleria non solamente per mezzo delle fiere, ma anche grazie a mostre che permettano di illustrare in modo più completo la loro ricerca”. A parlare sono Ursula Hawlitschka e Massimo Micucci, galleristi di Montoro12, Roma, che hanno deciso di espandersi in Belgio con un nuovo spazio, presentato timidamente, per non perdere una opportunità, in occasione del Bruxelles Gallery Weekend con una apertura di tre giorni, ma che inaugurerà ufficialmente il prossimo novembre. Non sono gli unici a tentare la strada internazionale: è recente l’annuncio della galleria concittadina Dorothy Circus Gallery che ha deciso di aprire uno spazio (però popup) a Londra, con inaugurazione in occasione di Frieze.

Isobel Church, Strange Contets
Isobel Church, Strange Contets

IL NUOVO SPAZIO DI MONTORO12

“La scena Belga la conosciamo bene”, spiegano, “abbiamo già diversi collezionisti che, negli anni, hanno acquisito opere di Faig Ahmed, Emmanuele De Ruvo, Larissa Sansour, Nicholas William Johnson e Isobel Church. Dobbiamo riconoscere ai collezionisti dell’area di non essere minimamente influenzati da mode più o meno passeggere”. Nata nel 2013 con una mostra personale dell’allora da poco scomparso Dennis Oppenheim (Electric City, 1938 – New York, 2011) curata dalla stessa Hawlitschka e realizzata in collaborazione con la Galleria d’Arte Orler, la sede romana è situata nella strada dalla quale la galleria prende il nome, a pochi passi da Campo dei Fiori. Lo spazio belga invece si situa in Rue de la Regence 67, nel pieno centro di Bruxelles: a questo civico ci sono due edifici che ospitano gallerie importanti (Dvir, Conradi, Sorry We’re Closed…) e sono una delle destinazioni primarie di collezionisti e artlovers in città. Lo spazio è di 150 mq (la parte espositiva), 200 considerando gli uffici ed inaugurerà con un group show di artisti rappresentativi della scuderia, al quale seguirà una personale di Thorsten Kirchhoff, dal titolo M.X.C.N R.D.(mexican radio), prevista per gennaio 2018.

Il nuovo spazio a Bruxelles
Il nuovo spazio a Bruxelles

E ROMA?

“Le due gallerie dialogheranno principalmente nella ricerca di nuovi stimoli per gli artisti e, sinceramente, anche per noi, la scena del contemporaneo a Roma, anche se si sta arricchendo di varie presenze internazionali, non riesce a dare la carica della quale sia l’artista che il gallerista hanno bisogno, a nostro parere”, continuano Massimo e Ursula, che apriranno il prossimo 20 settembre, nella Capitale italiana, Many Moons, la prima personale italiana dell’artista inglese, classe 1984, Isobel Church. La mostra occuperà per intero gli spazi della galleria, anche con alcuni interventi site specific. Del 2016, invece, ma di indubbio impatto è Strange Contents, un mandala realizzato con frammenti di meteorite disposti a cerchi concentrici. Un impegno, quello romano, dunque, che prosegue parallelamente al nuovo slancio internazionale, non senza tuttavia qualche riflessione: “Roma”, concludono, “è la città dove la nostra avventura di galleria è iniziata e non abbiamo intenzione di lasciarla, ma i nostri artisti meritano un pubblico di collezionisti con il quale confrontarsi, questo aiuta a crescere e a Roma sembra difficile, se non alle volte impossibile purtroppo. Ma continuiamo a sperare che qualcosa, pian piano, cambi”.

– Santa Nastro

Montoro12
Rue de la Regence 67, Bruxelles
www.m12gallery.com/

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.