Su Sky Arte: tutta la storia di David Lynch in un documentario

Una delle pellicole più acclamate della scorsa stagione cinematografica raggiunge il piccolo schermo, catapultando il pubblico nell’immaginario di un regista che ha fatto epoca.

David Lynch
David Lynch

Dopo il successo di pubblico e di critica riscosso in seguito all’arrivo sui grandi schermi, David Lynch: The Art Life – la pellicola diretta da Rick Barnes, Jon Nguyen e Olivia Neergaard-Holm e distribuita da Wanted – approda su Sy Arte HD nella serata di domenica 21 maggio. È lo stesso David Lynch ad accompagnare lo spettatore in un intimo e personale viaggio nel tempo, raccontando gli anni della sua formazione artistica. Dall’infanzia nella tranquilla provincia americana fino all’arrivo a Philadelphia, un itinerario attraverso le tappe che hanno condotto l’autore a diventare uno dei più enigmatici e controversi registi del cinema contemporaneo.

TRA SCHERMO E REALTÀ

Frutto di un’originale miscela di immagini, musica ed estratti dai suoi primi film, David Lynch: The Art Life ritrae l’autore nel suo studio sulle colline hollywoodiane, mentre racconta aneddoti dal proprio passato, come fossero scene di uno dei suoi lavori. Senza dimenticare le paure, le contraddizioni e gli sforzi affrontati durante il corso degli anni. Il documentario ha avuto una genesi lunga e particolare, comparendo sulla piattaforma di crowdfunding Kickstarter nel febbraio del 2012 e divenendo realtà grazie al sostegno dei numerosi fan del regista. Oltre al documentario, i canali Sky faranno anche da cornice alla proiezione dell’attesissimo sequel di Twin Peaks, in onda a partire dal 26 maggio su Sky Atlantic.

Il sito di Sky Arte è powered by Artribune, che ne cura contenuti e interfaccia digitale. Scoprite a questo link le novità di palinsesto e le news che arricchiscono il portale del primo canale televisivo culturale italiano in HD…
http://arte.sky.it

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.