Subito dopo Natale la compagnia di giro delle fiere riparte con Este Arte. Laura Bardier, direttrice della manifestazione in Uruguay, ci racconta tutto in video

Print pagePDF pageEmail page

Este Arte

Un tempo Art Basel Miami Beach era l’ultima fiera dell’anno solare salvo poi ricominciare il tourbillon internazionale con la fiera di Ginevra. Dall’anno scorso però le cose sono cambiate e un’altra manifestazione si è inserita nel calendario prendendosi lo slot ancora lasciato libero della primissima settimana dell’anno. Ci sono le Feste, c’è l’Epifania e quant’altro, direte voi. Avete ragione, ma la cosa può essere vista come un’opportunità più che come un limite per Este Arte, la fiera che dal 2015 si svolge a Punta del Este, la Saint Tropéz dell’Uruguay, la località di villeggiatura dove affluisce il jet set da tutta l’America Latina e non solo (Brad Pitt e Mark Zuckerberg passano spesso e volentieri).
Aggiungeteci che a inizio gennaio in Uruguay fa caldo ma non troppo (una specie di nostro giugno) e il quadro è completo. In questo contesto si svolgerà la seconda edizione di Este Arte: ne abbiamo parlato, incontrandola a Miami, con Laura Bardier, curatrice e storica dell’arte che si è formata sia accademicamente (Firenze) che professionalmente (Napoli, al Pan quando era un posto serio) in Italia e che dallo scorso anno dirige Este Arte. Nella video intervista i presupposti, i motivi, le caratteristiche e le ambizioni di questa giovane e piccola fiera sudamericana.

Dal 5 all’8 gennaio 2016
Camino del Cerro Eguzquiza, La Barra
Punta del Este, Uruguay
www.estearte.com

Gallerie partecipanti
Black Gallery (Garzón), Carroll/Fletcher (London), Galleria Continua (San Gimignano, Beijing, Les Moulins, Havana), Diana Saravia (Montevideo), Factoría de Arte Santa Rosa (Santiago de Chile), Fundación Pablo Atchugarry (Punta del Este), Galería del Paseo (Punta del Este), Galería de las Misiones (Montevideo, Punta del Este, José Ignacio), Galería SUR (Punta del Este), Heinzer Reszler (Lausanne), Le Point Fort (Strasbourg), Studio 488 (Buenos Aires), Mul.ti.plo Espaço Arte (Rio de Janeiro), Photology (Bologna, Noto, Garzón), Reginart Collections (Paris, Geneva), Studio Sandra Recio (Geneva), Unosunove (Rome), Xippas Galleries (Paris, Montevideo, Punta del Este, Geneva), Zielinsky Contemporary Art+ (Barcelona)

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community