Art bonus, una misura che premia la cultura. I vantaggi fiscali voluti da Franceschini incoraggiano le donazioni: parola di Starhotels. Che restaura Piazzale Michelangelo a Firenze

Print pagePDF pageEmail page

Piazzale Michelangelo, Firenze

Piazzale Michelangelo, Firenze

Una piccola storia italiana, che incarna senso e potenzialità di un provvedimento governativo, tra i più apprezzati della cosiddetta riforma Franceschini per i Beni Culturali. Parliamo dall’art bonus, misura che ha avvicinato l’Italia agli standard internazionali, in materia di donazioni private per la cultura: le aziende, oggi, possono elargire fondi a iniziative artistiche e culturali, potendo contare su importanti benefici fiscali, sotto forma di credito di imposta.
A cogliere l’occasione, ad esempio, è stata Starhotels – catena alberghiera fondata a Firenze nel 1980 e guidata da Elisabetta Fabri, con 25 hotel di medio-alta fascia sparsi per il mondo – che per il suo 35° anniversario ha annunciato di aver sfruttato, generosamente, i vantaggi della nuova norma. Importo erogato: 1.037.000 euro. Tutti destinati al restauro di Piazzale Michelangelo, una tra le terrazze più belle d’Italia, costruito a Firenze a metà ‘800 come straordinario punto d’osservazione del panorama cittadino.

Uno degli alberghi di Starhotels

Uno degli alberghi di Starhotels

Starhotels, in verità, festeggia da sempre i suoi compleanni con delle donazioni, a beneficio delle città che ospitano i suoi alberghi. Ma stavolta il passo è stato più importante, grazie proprio all’art bonus e anche – dato prezioso e confortante – grazie ai buoni risultati raggiunti nell’anno che sta per concludersi. Insomma, l’economia  tornerebbe a marciare, lentamente, e certe misure governative aiuterebbero a innescare dinamiche virtuose.
“Prevediamo di chiudere l’esercizio 2015 con ricavi realizzati in Italia pari a circa 159 milioni di euro, che rappresentano il 13,5% in più rispetto all’esercizio 2014”, ha dichiarato Fabri. “I risultati di esercizio 2015 e la normativa fiscale ci hanno condotto a questa decisione. Piazzale Michelangelo, la più bella terrazza del mondo, un monumento da cui ammirare altri monumenti, meta irrinunciabile per turisti e fiorentini, è stata una scelta naturale. La passeggiata romantica, le aree verdi, ci auguriamo possano, con questi interventi, ritornare nel godimento di tutti”.

– Helga Marsala

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community