Cesare Pietroiusti per ITINERA Siena Bruxelles. Al via un progetto europeo per artisti e curatori

Un programma di residenze fondato sull'idea di scambio tra due città europee: Siena e Bruxelles. Tra il 2015 e il 2017 artisti a curatori viaggeranno e progetteranno mostre, attività, incontri. Il tutto è iniziato con un intervento di Cesare Pietroiusti...

Print pagePDF pageEmail page

Siena e Bruxelles, due città geograficamente lontane, messe in comunicazione da un progetto di residenze che fa delle pratiche artistiche contemporanee uno strumento di dialogo, di esplorazione culturale e di scambio. ITINERA, iniziativa ideata dall’Associazione FuoriCampo, in collaborazione con le associazioni Culturing e Phleglmatics, sostenuta dal Comune di Siena nell’ambito di Siena Capitale della Cultura 2015, mette insieme una serie di collaborazioni fra realtà non profit e istituzioni pubbliche italiane, francesi e belghe, nel tentativo di favorire l’incontro fra artisti e curatori dei due Paesi coinvolti, incrementando la mobilità dell’arte in Europa. Sullo sfondo l’immagine della via Francigena, arteria strategica che un tempo collegava i paesi europei del Nord con il mondo bizantino.
Al termine di una serie di gemellaggi tra artisti e operatori culturali di entrambe le città, una mostra funzionerà come focus sulla collezione Agiverona di Giorgio e Anna Fasol, esempio di collezionismo illuminato a sostegno delle arti contemporanee.

Cesare Pietroiusti a Bruxelles per ITINERA

Cesare Pietroiusti a Bruxelles per ITINERA

Ma sarà questo solo il primo step del progetto. Nel 2017 è infatti prevista una seconda fase espositiva, elaborata dagli stessi curatori giunti a Siena, oltre a varie di attività collaterali legate alle tematiche emerse. I fondi per la produzione delle opere e gli allestimenti verranno intercettati tramite piattaforma di crowdfunding BEART.
Infine, ancora nel 2017, un terzo passaggio conclusivo. Un gruppo di scrittori e poeti saranno chiamati a realizzare nuove produzioni letterarie per un libro/catalogo. Da questo novembre è in residenza a Siena il primo curatore belga, Stijn Maes, impegnato in un programma di incontri con gli studenti di Storia dell’Arte dell’Università e con quelli dell’Università per Stranieri.
Un intervento di Cesare Pietroiusti ha tenuto a battesimo il progetto: quasi un nome chiave, legato a una concezione precisa dell’arte come strumento di indagine intorno alle pratiche sociali, le relazioni umane, gli spazi comunitari, i rituali collettivi e le forme simboliche del presente.
ITINERA Siena Bruxelles è un progetto diretto da Jacopo Figura ed Esther Biancotti.

Helga Marsala

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community