ALB, un video per The Road. Electro-pop à la française, lungo l’infinita strada dell’inconscio

Una corsa infinita lungo strade lastricate di sogni, incubi, memorie. Al ritmo di una canzone electro-pop. Tra angoscia e leggerezza, una raffinata videonaimazione accompagna il nuovo singolo di ALB

Print pagePDF pageEmail page

Con il nuovo singolo The Road, dall’album “Come Out! It’s Beautiful”, il francese Clément Daquin, meglio conosciuto come ALB, azzecca sound e videoclip. Il pezzo scivola fresco e lieve come una corsa electro-pop tra reminiscenze 80’s, dolcemente inzuppate di nostalgia: patina romantica e struggimenti in rewind, conditi da strette allo stomaco e da piacevoli psico-discrasie.
Il video è affidato alla regia di Julien Lassort e all’abilità di un gruppo di motion designers: Loïs de Cornulier, shoobAKA, Abel Reverter, Phong Luong, Bérengère Morel, Benjamin Guillaume, oltre allo stesso Lassort.

Alb, The Road

Alb, The Road

Solo bianco e nero super grafico, contrastatissimo ed essenziale, per quasi quattro minuti di progressione infinita lungo una dream-road notturna: strada lastricata di memorie, mixate con l’immaginazione, da percorrere senza soste. L’inarrestabile carrellata di forme e figure inquiete, partorite dal subconscio, non concede tregua: corvi minacciosi,  mannaie in azione, squarci nell’asfalto, chiese che crollano, donne senza veli, pali della luce come croci, piantati ai bordi di strade solitarie. E ancora giochi optical, vortici, mani perforate, volti, teschi, costellazioni. Un viaggio ipnotico, in cui perdere le coordinate, gustandosi il sottile piacere dell’angoscia. Lungo la linea che unisce e separa il presente dal passato, la percezione del ricordo dalla progressione onirica, la leggerezza dalla malinconia.

Helga Marsala

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community