Biennale Updates: tutti i freak di Marc Quinn all’Isola di San Giorgio. Regia di Germano Celant per la super mostra alla Fondazione Cini: ecco chiccera ad un vernissage dove spunta pure B.B… e non si tratta di Brigitte Bardot!


Party alla Fondazione Cini

Party alla Fondazione Cini

Come cresce un feto, dal momento del concepimento a un passo dalla nascita, flusso vitale eternato in marmo, piazzato con vista sulla Laguna. E poi uno statuario freak, con seni abnormi e sessualità invertite – donne con il pene, uomini con la vagina; oltre a tutto l’immaginario della violenza massmediale e massmediata: funghi atomici, black block, bombardieri fusi in composizioni assurde, le torture di Abu Ghraib.

Il mondo secondo Marc Quinn alla Fondazione Cini, per la maxi mostra a firma Germano Celant: video report e fotogallery dal vernissage. Dove spuntano, tra gli altri, un immancabile Roberto D’Agostino e il critico del Guardian Waldemar Januszczak; Nicolò Cardi e la sua socia più celebre. Si tratta di B.B.: Barbara Berlusconi. Naturalmente!

- Francesco Sala

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • aldo

    di una bruttezza la mostra senza eguali….

  • marta jones

    veramente oscena!! forse se Marc Quinn avesse davvero a che fare con malattia, disabilità e ‘diversi’ non li rappresenterebbe mai e soprattutto non cercherebbe di far passere queste figure come intuizione artistica