Berlusconi e l’”Atto Divino”. A Spoleto Mikhail Dolgopolov ritrae l’ex presidente con una statua osé: e Vittorio Sgarbi fa l’indignato

Print pagePDF pageEmail page

La scultura osè che sta rompendo la quiete di Spoleto

Non sono bastate quelle reali – ancorché al momento solo presunte: siamo garantisti, noialtri! – ora ci si mettono pure quelle farlocche ad imbarazzare l’ormai sempre più povero Silvio. Le fellatio restano, Olgettine a parte, area di pertinenza dell’ex presidente del consiglio: e finiscono elevate a rango di opera d’arte. Non si tratta del giudizio lusinghiero sulle abilità amatorie della sgallettata di turno, ma dell’Atto Divino che Mikhail Dolgopolov porta a Spoleto: imponente gruppo bronzeo che ritrae uno stentoreo Berlusconi mentre accoglie attorno a un membro che ha ben poco di parlamentare le turgide labbra di una dama non meglio identificata, china a formare un perfetto angolo retto.
Il fisico asciutto tradisce un modello che non può essere quello del fu premier, almeno non nelle sue uscite più recenti: i lineamenti del volto, per quanto non corrispondano ad un ritratto perfetto sono per stessa ammissione dell’artista nettamente ispirati alle fattezze del caro leader. E dunque apriti cielo. L’opera era destinata a Spoleto Arte, la riottosa risposta che Vittorio Sgarbi lancia ad un Festival dei Due Mondi che ritiene ormai alla frutta: proprio dal vulcanico curatore, che pure avremmo detto sensibile al tema di Atto Divino, arrivano le reprimende più sentite, con tanto di cacciata dell’opera dalla mostra. Sgarbi confida a Il Giornale di essere indispettito perché all’oscuro di un’opera comparsa solo in fase di allestimento; Dolgopolov è pronto a giurare che accurata documentazione fotografica sul pezzo era stata trasmessa per tempo a Spoleto, perché se ne traessero le opportune considerazioni. Gaffe? Trappolone mediatico? Pagliacciata? Scandalo-fake montato ad arte? Il vaso di Pandora è scoperchiato!

– Francesco Sala

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • babajaga

    …che tristezza. E lo ha pure imbellito…!

  • giovanna

    scultura e notizia degna di questa rivista

  • Fabrizio Spinella

    Quanto alla postura del simulacro femminile, lo scultore evidentemente non ha mai avuto il privilegio di farsi fare una fellatio, quindi ignora l’inclinazione. Quanto alla metafora, essa si traduce in un complimento involontario alla virilità dell’ex premier e al segreto dispetto dell’artista per non essere nelle stesse possibilità. Se il tale Mikhail Dolgopolov avesse ritratto nelle stesse fogge Putin e una sua volenterosa assistente alle voglie, pensate voi che avremmo avuto una crisi diplomatica con la Federazione Russa? Quanto al valore della scultura, esso è equivalente a quello dei portachiavi con l’omino che, a trazione di una levetta, erge il pisello. Contento lui. Berlusconi se la rice: è una icona pop, non ha più il diritto di copyright sulla riproduzione delle sue sembianze: è l’unica cosa che gli dà un po’ di fastidio, per via delle royalties mancate.

  • Francesco

    Che cosa sono disposti a fare Sgarbi, questo Dolgopolov (ma chi è?), B., per un pò di pubblicità gratuita…

  • LIANA ROVER

    mah !…..al di là di tutto, l’opera è proprio brutta…..

  • Rita

    No comment!

  • giorgio nenci

    notizia che merita il massimo silenzio possibile……..

  • Angelov

    Questo lavoro di chiaro stile pornografico, ha il solo difetto di essere entrato nel circuito dell’Arte Contemporanea, attraverso una di quelle porte misteriose ed accessibili solo con ambigue e segrete manovre.
    Quanta altra spazzatura è riuscita ad imporsi in questo ambito, ma avendo avuto un aspetto non così appariscente e volgare, è riuscita a passare inosservata, essere notata, quotata, discussa etc, sarebbe difficile quantificare.
    Certo in un paese islamico, il suo scultore avrebbe rischiato grosso.
    Qui da noi, la solita censura di stampo cattolico, addirittura orchestrata in modi estemporanei e da chiunque di passaggio, sta avendo la meglio.
    Ma osservando bene il volto dipinto del maschio, sembra quasi di vedere quello di Mussolini.