Dopo 12 anni riapre alle Cinque Terre la famosa Via dell’Amore

Torna accessibile quel suggestivo percorso tra i borghi di Riomaggiore e Manarola. I lavori, costati oltre 13 milioni di euro, hanno permesso la messa in sicurezza dopo la frana del 2012

Riapre il percorso più amato delle Cinque Terre, quel chilometro a strapiombo sul mare che connette i borghi di Riomaggiore e Manarola costeggiando il mare: la Via dell’Amore. Chiuso nel 2012 a seguito di una frana, il celebre percorso riaprirà finalmente al pubblico dopo 12 anni di traversie a luglio 2024.

La Via dell’Amore

La nascita della Via dell’Amore è legata ai lavori per la realizzazione del doppio binario della ferrovia sulla tratta Genova-La Spezia nel 1920. La strada era inizialmente un semplice deposito del materiale esplosivo necessario per la realizzazione delle gallerie, ma alla fine dei lavori gli abitanti cominciarono a percorrere il sentiero, più comodo e veloce rispetto all’antica mulattiera (Via Beccara), che così restò in uso. Oggi, formalmente chiamata sentiero 592-1, la Via dell’Amore è un vero percorso panoramico, parte di una fitta rete di sentieri locali e accessibile con un ridotto biglietto d’ingresso. Posta a circa trenta metri d’altezza, la Via permette di osservare – sotto le grida di gabbiani e balestrucci – le rocce arenarie di Riomaggiore e le loro stratificazioni, così come le vigne terrazzate di Manarola. Il tutto, circondati da una fitta vegetazione che mescola piante autoctone, come il finocchio di mare, la violaciocca, la ruta e l’euforbia, a quelle esotiche, come le agavi, i fichi d’India e gli ottentotti del Sudafrica. La Via, che rientra nel Parco Nazionale delle Cinque Terre ed è quindi parte del relativo Patrimonio Unesco, è diventata con gli anni uno dei percorsi pedonali più apprezzati e fotografati d’Italia.

Via dell'Amore, Cinque Terre
Via dell’Amore, Cinque Terre

La Frana che aveva chiuso la Via dell’Amore

Già soggetta a rischio frane negli Anni Novanta – un fenomeno non insolito nel fragile tessuto idrogeologico del levante ligure –, la Via dell’Amore era stata più volte soggetta a chiusure temporanee. Così era stato anche nel 2012, quando delle turiste australiane erano rimaste coinvolte in un incidente (non mortale), che portò all’immediata chiusura. Da allora, ci sono voluti nove anni per pianificare il complesso intervento sul sentiero e i versanti rocciosi: i lavori, costati 13 milioni e quattrocentomila euro e iniziati nel gennaio 2021, hanno previsto l’installazione di reti, ancoraggi, chiodature e barriere paramassi, il rifacimento di un breve tratto di galleria e della pavimentazione, nuove ringhiere e un rinnovato arredo urbano. I lavori sono ufficialmente terminati l’anno scorso, circostanza in cui era stata anche riconsegnata al pubblico, simbolicamente, la prima parte del percorso.

La Via dell'Amore
Via dell’Amore, Cinque Terre

Riaperta la Via dell’Amore alle Cinque Terre

Come assessorato al Turismo e insieme ad Agenzia InLiguria, venerdì 19 luglio faremo una grande inaugurazione per la riapertura della Via dell’Amore: sarà un evento che verrà ricordato non solo alle Cinque Terre ma anche in tutto il mondo”, ha anticipato l’assessore regionale al Turismo Augusto Sartori. Questo percorso iconico, che ha visto tante coppie giurarsi eterno amore, finalmente dopo quasi dodici anni riaprirà nella sua totalità per la gioia di tutti”.

Giulia Giaume

Artribune è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Giulia Giaume

Giulia Giaume

Amante della cultura in ogni sua forma, è divoratrice di libri, spettacoli, mostre e balletti. Laureata in Lettere Moderne, con una tesi sul Furioso, e in Scienze Storiche, indirizzo di Storia Contemporanea, ha frequentato l'VIII edizione del master di giornalismo…

Scopri di più